NewsAmbienteEnergia & MercatoPolitica EnergeticaRinnovabiliStakeholder energiaKyoto ClubCoordinamento Free

Rinnovabili: per il Coordinamento FREE serve una politica energetica più incisiva

    “Prendiamo in parola Renzi che ha in più occasioni, per ultimo ieri sera nel commento a caldo del referendum, sottolineato come il suo governo sia a favore delle rinnovabili e del rispetto degli impegni climatici.”. Su rinnovabili, Renzi sia coerente con se stesso. È quanto dichiara il Coordinamento FREE, Fonti rinnovabiliFonti rinnovabili
    Una risorsa è detta rinnovabile se, una volta utilizzata, è in grado di rigenerarsi attraverso un processo naturale in tempistiche paragonabili con le tempistiche di utilizzo da parte dell’uomo. Sono considerate quindi risorse rinnovabili:
    – il sole
    – il vento
    – l’acqua
    – la geotermia
    – le biomasse
    ed efficienza energeticaefficienza energetica
    Con questi termini si intendono i miglioramenti che si possono apportare alla tecnologia per produrre gli stessi beni e servizi utilizzando meno energia, con conseguente riduzione dell’ impatto ambientale e dei costi associati.
    , commentando le parole del Presidente del Consiglio.

    “Prendiamo in parola Renzi che ha in più occasioni, per ultimo ieri sera nel commento a caldo del referendum, sottolineato come il suo governo sia a favore delle rinnovabili e del rispetto degli impegni climatici. ‘Vogliamo fare dell’Italia il paese più verde d’Europa, e a chi ha votato per un modello energetico diverso dico che è anche la nostra ansia’”. È quanto dichiara il Coordinamento FREE, Fonti rinnovabili ed efficienza energetica, commentando le parole del Presidente del Consiglio.

    Rinnovabili: per il Coordinamento FREE serve una politica energetica più incisiva“A questo punto, il governo cambi atteggiamento rispetto a politiche che hanno fortemente penalizzato le rinnovabili e l’efficienza energetica e definisca un percorso che ci consenta di raggiungere gli obiettivi europei al 2030.

    Il premier nei giorni scorsi ha affermato che intende lavorare perchè le fonti rinnovabili consentano di fornire il 50% della generazione elettrica in questa legislatura, al 2018. A noi basterebbe che venissero adottate le misure in grado di ottenere questo risultato nel 2025, avviando un percorso virtuoso che garantirebbe elevate ricadute occupazionali. Abbiamo delle proposte concrete che riguardano anche altri ambiti, come un nuovo modo di affrontare l’efficientamento energetico dell’edilizia con possibili clamorosi risultati, il decollo del biometano, la gestione sostenibile del patrimonio forestale, la mobilità elettrica.

    Per presentarle il Coordinamento Free ha organizzato, insieme a Kyoto Club, un’iniziativa giovedì 21 mattina al Senato in vista dell’appuntamento di New York, il 22, quando alle Nazioni Unite si raccoglieranno le adesioni formali all’Accordo di Parigi. Un messaggio forte per Renzi che rappresenterà l’Italia a questo storico evento”.

    Fonte: Kyoto Club

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button