NewsRinnovabiliStakeholder energiaEnel

Rinnovabili, un anno di crescita e sviluppo

    Enel Green Power vanta una presenza diffusa e in crescita che tocca Europa, Usa e America Latina. Il 2010 contrassegnato dalla quotazione in borsa e da nuovi progetti per tutte le fonti rinnovabilifonti rinnovabili
    Una risorsa è detta rinnovabile se, una volta utilizzata, è in grado di rigenerarsi attraverso un processo naturale in tempistiche paragonabili con le tempistiche di utilizzo da parte dell’uomo. Sono considerate quindi risorse rinnovabili:
    – il sole
    – il vento
    – l’acqua
    – la geotermia
    – le biomasse

    Un anno di crescita, dal fotovoltaico all’eolico, dall’idroelettrico al geotermico. Il 2010 dell’energiaenergia
    Fisicamente parlando, l’energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L’unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
    rinnovabile per Enel è stato all’insegna dello sviluppo e della crescita sia della potenzapotenza
    Grandezza data dal rapporto tra il lavoro (sviluppato o assorbito) e il tempo impiegato a compierlo. Indica la rapidità con cui una forza compie lavoro. Nel Sistema Internazionale si misura in watt (W).
    installata sia della presenza territoriale a livello globale. L’anno appena trascorso passerà soprattutto alla storia del Gruppo per la quotazione in Borsa di Enel Green Power (Egp), ma non va dimenticata una ricorrenza significativa, il 10 anniversario della nascita di Enel North America un avvenimento che documenta come la diffusione globale del Gruppo sul fronte delle rinnovabili sia frutto di un lungo cammino che punta ad uno sviluppo costante e continuo delle energie verdi, vecchie e nuove.

    Enel Green Power entra in borsa

    È stata la più importante Ipo europea degli ultimi tre anni. Il collocamento in borsa di Egp ha segnato il 2010 di Enel e apre nuove prospettive per gli anni a venire a partire già dal 2011. Il 4 novembre la società del Gruppo dedicata all’energia verde è entrata a far parte dei listini delle piazze di Milano e Madrid con un collocamento che ha riscosso successo soprattutto tra i risparmiatori che in oltre 340 mila hanno acquistato azioni della società. Dopo l’Ipo e la quotazione Egp è poi stata ammessa agli MSCI Global Standard Indices, indici mondiali delle società quotate sui mercati finanziari e organizzati per capitalizzazione, e a dicembre è entrata nell’indice FTSE Mib 40.

    Una presenza globale

    Il 2010 consegna al 2011 un’eredità importante sul fonte delle rinnovabili. Egp oggi è presente in 16 Paesi tra Europa, Stati Uniti e America Latina ed entro il 2014 punta ad arrivare ad una potenza installata di 9.200 megawatt, con investimenti nell’eolico, idroelettrico, geotermico e solare. Un obiettivo ambizioso che nell’anno appena trascorso è stato perseguito con costanza, mettendo a frutto investimenti del passato e realizzandone di nuovi che guardano al futuro. A marzo Egp è entrata a far parte del consorzio Desertec per sviluppare impianti solari ed eolici dei Paesi del Nord Africa e del Medio oriente. Una scelta strategica che si aggiunge all’avvio di nuove iniziative nel campo dell’eolico, del fotovoltaico o del geotermico in tutti i continenti in cui la società del Gruppo è presente. In Europa è il caso della Francia con l’acquisizione di nuovi impianti eolici nei Pirenei o dei primi kilowattora immessi nella rete rumena grazie al campo eolico di Agighiol. In America Latina Egp si è aggiudicata tre progetti eolici nello stato di Bahia con cui ha raddoppiato la sua capacità installata nel Brasile, mentre a maggio ha in Guatemala il progetto di Palo Viejo e in Colombia la costruzione della centrale idroelttrica di El Quimbo.

    L’Italia all’avanguardia

    Tra i nuovi progetti che hanno visto la luce nel 2010 sono molti quelli che riguardano l’Italia dove le rinnovabili vivono uno sviluppo intenso e diversificato che coinvolge tutta la penisola. In Sicilia Egp, Sharp e STMicroelectronics hanno firmato l’accordo per realizzare a Catania la più grande fabbrica di panelli fotovoltaici del Paese, in Toscana Enel Green Power ha fatto entrare in servizio di due nuove centrali geotermiche, e il 2010 ha registrato anche l’inaugurazione di Archimede il primo impianto solare termodinamico al mondo inaugurato a luglio a Priolo Gragallo. Nuove intese e nuovi investimenti hanno poi salutato la chiusura dell’anno. A dicembre Egp ha siglato con la Banca Europea per gli Investimenti un accordo in base al quale quest’ultima si impegna a concedere un prestito complessivo di 440 milioni di euro per finanziare il programma di sviluppo in Italia delle attività di EGP. Sempre a dicembre è stato dato il via alla realizzazione dell’impianto fotovoltaicoimpianto fotovoltaico
    Impianto per la produzione di elettricità che sfrutta l’energia del sole grazie ai pannelli fotovoltaici, generalmente di silicio. All’interno del pannello si genera un circuito elettrico in corrente continua, dovuta all’effetto fotovoltaico, secondo cui quando i fotoni (che costituiscono la radiazione solare) raggiungono una cella FV vanno ad eccitare alcuni elettroni del materiale di cui è costituita la cella. Tali elettroni, trovandosi ad un livello energetico superiore, “sfuggono” dalla loro posizione originaria e creano una corrente.
    di Strambino, frutto dell’accordo firmato da Egp e Finpiemonte Partecipazioni per lo sviluppo delle fonti rinnovabili in Piemonte. Insomma il 2010 è stato caratterizzato da una sequenza fitta di iniziative che prosegue ininterrotta anche nel nuovo anno. A documentarlo l’accordo firmato il 3 gennaio da Enel.si, società di Egp, con Poste Italiane. L’obiettivo è quello di promuovere la cultura delle fonti rinnovabili e il rispetto dell’ambiente attraverso l’offerta a un target specifico di clienti BancoPosta per l’ installazione di pannelli fotovoltaici ad utilizzo domestico.

    Comunicato stampa ENEL, 07/01/2011

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button