NewsEfficienza & RisparmioElettrodomesticiRisparmio EnergeticoTecnologiaEfficienza EnergeticaNews: Elettrodomestici

Risparmio energetico: Gli elettrodomestici che consumano più energia elettrica

    Quali elettrodomestici consumano più energia elettricaenergia elettrica
    Forma di energia ottenibile dalla trasformazione di altre forme di energia primaria (combustibili fossili o rinnovabili) attraverso tecnologie e processi di carattere termodinamico (ovvero che coinvolgono scambi di calore) che avvengono nelle centrali elettriche. La sua qualità principale sta nel fatto che è facilmente trasportabile e direttamente utilizzabile dai consumatori finali. Si misura in Wh (wattora), e corrisponde all’energia prodotta in 1 ora da una macchina che ha una potenza di 1 W.
    in casa tua?

    Il risparmio energeticorisparmio energetico
    Con questo termine si intendono tutte le iniziative intraprese per ridurre i consumi di energia, sia in termini di energia primaria sia in termini di energia elettrica, adottando stili di vita e modelli di consumo improntati ad un utilizzo più responsabile delle risorse.
    incide direttamente sul costo della bolletta dell’energiaenergia
    Fisicamente parlando, l’energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L’unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
    elettrica, il quale può essere contenuto conoscendo il peso che hanno gli elettrodomestici sul consumo energetico di casa. 

     

    elettrodomesticiConoscere i dati di consumo dei propri elettrodomestici costituisce un elemento fondamentale per ottimizzare i consumi della propria abitazione e, di conseguenza, risparmiare in bolletta.

    Riuscire a ottenere dati precisi sul consumo di energia elettrica dei singoli elettrodomestici utilizzati quotidianamente, è davvero complicato, per cui risulta utile sapere almeno quali sono gli elettrodomestici che generalmente consumano più energia.

    • Il frigorifero è l’elettrodomestico che ha il maggior peso sulla bolletta; è in funzione 24/24h per 365 giorni all’anno, e si stima che il suo consumo incida per il 25% sulla spesa totale per l’energia elettrica;
    • La lavastoviglie è un altro elettrodomestico energivoro che rappresenta il 12-13% dei consumi totali;
    • La lavatrice è invece responsabile del 13% dei consumi;
    • Lo scaldabagno richiede un importante quantitativo di energia oltre ad una costante manutenzione; si stima infatti che le incrostazioni di calcare, dopo alcuni anni di utilizzo, possano aumentare del 25% i suoi consumi energetici;
    • Il condizionatore, sebbene solitamente attivato per pochi mesi, incide per il 10% sul costo totale di energia;
    • I piccoli elettrodomestici, alcuni usati quotidianamente ed altri solo in caso di necessità (computer, asciugacapelli, ferro da stiro etc.), hanno una quota di circa il 20-25% sul consumo energetico totale;
    • Gli elettrodomestici da cucina (forno, piastra elettrica, microonde etc.) concorrono al consumo di circa il 12% di energia elettrica.

     

    Gli elettrodomestici che in generale consumano le maggiori dosi di energia sono quelli che producono calore (forno, asciugacapelli, tostapane etc.), sebbene il loro utilizzo non sia sempre quotidiano oltre ad essere circoscritto a pochi minuti; di conseguenza solitamente non incidono in maniera decisiva sul costo della bolletta: si stima che un asciugacapelli comporti una spesa annua di circa 10 euro, mentre il frigorifero genera un costo di circa 160 euro.

     

    Orizzontenergia

     

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button