NewsAmbienteStakeholder energiaEnel

Sostenibilità, il futuro comincia oggi

    Dal Sustainability Day l’invito a fare della Responsabilità sociale d’impresa il motore della crescita e dello sviluppo. Il ruolo sociale delle aziende chiamate a promuovere e costruire un’altra economia

    Costruire un’altra economia, promuovere la crescita e un nuovo modo di essere impresa. È la sfida a cui sono chiamate oggi le aziende e che Fulvio Conti, AD di Enel, ha indicato come compito e responsabilità alla platea del secondo Sustainability Day.

    Dalla giornata, che ha visto raccolti nella sede di Endesa alcuni tra i maggiori esperti mondiali della Responsabilità sociale d’impresa, arriva una conferma che è anche un monito. Perché se da un lato la sostenibilità ambientale, sociale e di governance sta assumendo sempre più importanza nelle imprese, nel mercato e nell’economia – a Madrid è stata presentata a questo proposito un’indagine realizzata dall’Economist Intelligence Unit intitolata “Futuro sostenibile: promuovere la crescita tramite la sostenibilità” -, dall’altro non ci può essere futuro senza un impegno costante e condiviso su questo fronte.

    A dare il benvenuto ai partecipanti al Sustainability Day è stato Borja Prado, presidente di Endesa, che nell’introdurre i lavori ha sottolineando “il comune sentire di Enel ed Endesa sul tema della sostenibilità“, enumerando i tanti fronti operativi in cui questa consapevolezza si declina: dall’auto elettrica ai contatori elettronici, dalla Cattura e stoccaggiostoccaggio
    Attività di raccolta e deposito di una determinata risorsa. 
    della CO2CO2
    Gas inodore, incolore e non infiammabile, la cui molecola è formato da un atomo di carbonio legato a due atomi di ossigeno. È uno dei gas più abbondanti nell’atmosfera, fondamentale nei processi vitali delle piante e degli animali (fotosintesi e respirazione).

    alle Smart Grids. Un impegno che Conti ha raccontato ripercorrendo il cammino svolto dal Sustainability Day del 2010, i passi compiuti da Enel e aprendo lo sguardo sulla situazione economica globale e lo sviluppo del settore elettrico.

    Per l’AD di Enel la sostenibilità è un fattore decisivo per guidare il cambiamento. Oggi promuovere valori etici, comportamenti trasparenti e rispetto per l’individuo e l’ambiente è un obiettivo e una responsabilità attraverso cui “il successo dell’impresa e il successo della comunità, nella sua accezione più ampia, si rafforzano a vicenda“. Per Conti è necessario “comprendere i principi della sostenibilità nel lavoro quotidiano, rendendoli la pietra angolare dell’azioni” e bisogna essere consapevoli che “l’integrazione di business e sostenibilità rappresenta un processo e allo stesso tempo un traguardo“.

    Per le utilities dell’energiaenergia
    Fisicamente parlando, l’energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L’unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
    , in particolare, la sostenibilità si declina nel fare sì “che l’energia di domani sia abbondante, a costi ragionevoli e rispettosa dell’ambiente“. Un obiettivo che spinge le imprese a “investire nella ricerca e nello sviluppo di tutte le migliori soluzioni che l’uomo sta sperimentando“, a dialogare in modo costante con stakeholder, governi e istituzioni e a sanare l’energy divide che ancora rende inaccessibile l’elettricità a 1,5 milioni di persone al mondo.

    La giornata di Madrid, insomma, è stata l’occasione per un nuovo passo nel cammino verso la costruzione di quel futuro sostenibile atteso e spesso invocato tanto a livello locale quanto globale. Un passo che ha potuto affidarsi alle conoscenze e all’esperienza di alcuni tra i maggiori esperti mondiali della Responsabilità sociale d’impresa. Su tutti Mervyn King, presidente della Global Reporting Initiative, che ha presieduto i lavori guidandoli nella ricerca di strategie comuni, condivise e integrate che rendano “la sostenibilità parte del dna dell’azienda“.

    Comunicato stampa ENEL, 16/02/2011

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button