NewsEfficienza & RisparmioRisparmio EnergeticoStakeholder energiaE.on

Sprechi energetici: Perchè è comparso un palazzo ghiacciato nel centro di Milano?

    Milano, zona Moscova, il palazzo che ospita lo storico locale Radetzky è completamente rivestito di ghiaccio. Cos’è successo? Si mormora che un inquilino distratto si sia dimenticato il condizionatore acceso da questa estate! Una provocazione, una esagerazione dei fatti promossa da E.ON, tra i principali operatori energetici in Italia, attivo nella vendita di soluzioni innovative ed efficienti e nella generazione elettrica da fonti rinnovabilifonti rinnovabili
    Una risorsa è detta rinnovabile se, una volta utilizzata, è in grado di rigenerarsi attraverso un processo naturale in tempistiche paragonabili con le tempistiche di utilizzo da parte dell’uomo. Sono considerate quindi risorse rinnovabili:
    – il sole
    – il vento
    – l’acqua
    – la geotermia
    – le biomasse
    . Un concept, ideato con l’agenzia milanese M&C Saatchi, che stimola i consumatori a riflettere sugli sprechi, invitandoli a usare al meglio la propria energiaenergia
    Fisicamente parlando, l’energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L’unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
    .

    L’evento, in scena da lunedì 12 dicembre, ha coinvolto i passanti della via come spettatori attivi nelle operazioni di gestione dell’accaduto. Il quartiere si mobilita chiedendo informazioni in giro, nei bar e nei negozi, animando un dibattito sulle conseguenze delle abitudini personali e generando così una protesta contro gli sprechi. E l’hashtag #palazzoghiacciato è diventato virale.

    Con questa performance, che rappresenta il momento apicale della campagna #odiamoglisprechi lanciata a fine novembre su TV, digital media, radio, carta stampata e out-of-home, E.ON ha voluto promuovere una riflessione sugli sprechi: quando si spreca energia, intesa come luce e gas, si spreca anche tempo, passione, talento e fantasia che rappresentano l’energia personale di ogni individuo.

    In linea con il proprio posizionamento che mette al centro il rapporto con i clienti attraverso la fornitura di soluzioni innovative di efficienza energeticaefficienza energetica
    Con questi termini si intendono i miglioramenti che si possono apportare alla tecnologia per produrre gli stessi beni e servizi utilizzando meno energia, con conseguente riduzione dell’ impatto ambientale e dei costi associati.
    , E.ON ha voluto comunicare in modo preciso il ruolo che intende assumere nei confronti dei consumatori italiani: quello di un partner affidabile in grado di aiutare i clienti a comportarsi meglio: riducendo i propri consumi, minimizzando gli sprechi e massimizzando i vantaggi di una gestione economica delle risorse energeticherisorse energetiche
    Stima dei volumi totali di fonti energetiche, sia scoperte che non ancora scoperte. Tale quantità comprende anche le riserve.
    .

    La consapevolezza dell’importanza di evitare gli sprechi è infatti per E.ON condizione essenziale perché́, anche a livello domestico, si possa attivare un’iniziativa volta ottimizzare le risorse energetiche. Tanti piccoli cambiamenti nei comportamenti di ciascuno, promossi con grande semplicità, per ottenere un grande risultato nell’interesse di tutti.

    L’iniziativa è stata per E.ON l’occasione per rilanciare il dibattito sulla cultura dei consumi, sulla sostenibilità energetica mettendo al centro il consumatore: cioè le sue scelte, decisioni, comportamenti e, in questo caso, i suoi sprechi! E.ON propone di istituire, il 13 dicembre, la giornata contro gli sprechi energetici.

    Questa nuova consapevolezza collettiva è diventata quindi il tema di un incontro a cui partecipano Péter Ilyés, CEO di E.ON, Lella Mazzoli, Professore Ordinario di Sociologia della comunicazione e Comunicazione d’impresa all’università di Urbino Carlo Bo, Antonio Galdo, direttore di www.nonsprecare.it, Filippa Lagerback, presentatrice televisiva.

    L’importanza di ridurre gli sprechi e di ottimizzare i propri consumi energetici è sempre più diffusa tra gli italiani. Occorre però che a questa esigenza si accompagni un’adeguata conoscenza delle azioni e delle soluzioni che consentono concretamente di gestire in modo efficiente i propri consumi. A questa consapevolezza devono contribuire tutti i soggetti coinvolti nel processo di liberalizzazione del mercato in corso, compresi gli operatori come noi. Può sembrare paradossale che un’azienda che fornisce energia inviti a consumare meno, ma è proprio questo il nostro obiettivo. Ascoltiamo le esigenze dei clienti per fornire loro le soluzioni innovative più adeguate a ridurre e ottimizzare i consumi di energia elettricaenergia elettrica
    Forma di energia ottenibile dalla trasformazione di altre forme di energia primaria (combustibili fossili o rinnovabili) attraverso tecnologie e processi di carattere termodinamico (ovvero che coinvolgono scambi di calore) che avvengono nelle centrali elettriche. La sua qualità principale sta nel fatto che è facilmente trasportabile e direttamente utilizzabile dai consumatori finali. Si misura in Wh (wattora), e corrisponde all’energia prodotta in 1 ora da una macchina che ha una potenza di 1 W.
    e gas
    ”, afferma Péter Ilyés, CEO di E.ON.

    C’è un gran lavoro da fare per far crescere la consapevolezza dei cittadini, per farli diventare consumatori di energia più parsimoniosi ed accorti. E questa crescita di consapevolezza può passare solo attraverso un’informazione corretta e chiara. In altre parole, non tanto una comunicazione contro qualchecosa, ma pro, che metta in luce i vantaggi del consumo attento e consapevole di energia, e li faccia diventare il motore per comportamenti virtuosi”, dichiara la sociologa ed esperta di comunicazione Lella Mazzoli.

    In Italia è in corso una vera rivoluzione, silenziosa e dal basso, all’insegna del Non sprecare. La nuova campagna E.ON mi ha colpito molto perché risponde perfettamente a questa nuova tendenza. Mi fa piacere che un’azienda del settore energetico condivida questo tema, e considero utile il servizio di Check-up energetico, con i suoi contenuti concreti, semplici e pratici per i consumatori”, aggiunge Antonio Galdo, direttore di www.nonsprecare.it

    In E.ON Italia abbiamo trovato un cliente coraggioso che non ha paura di parlare di valori ed emozioni, stimolando, attraverso eventi eclatanti, nuove azioni e un nuovo modo di pensare e di comportarsi”, sostengono Vincenzo Gasbarro, Luca Scotto di Carlo e Carlo Noseda, partners di M&C Saatchi Milano.

    Immaginare un vicino di casa che a causa delle sue sbagliate abitudini di vita provochi il congelamento di un palazzo mi preoccupa. Quello del consumo e spreco delle risorse, che non sono infinite, è un argomento importante e noi dobbiamo affrontarlo con serietà, come sta facendo E.ON. Io spero che questo sia l’inizio di un movimento culturale. Anch’io odio gli sprechi e contro questo problema dobbiamo iniziare a fare qualcosa, adesso, individualmente e collettivamente”, conclude la presentatrice televisiva Filippa Lagerback.

     

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button