NewsRiciclo & RifiutiSostenibilitàStakeholder energiaOrizzontenergia.itRiduci-riusa-riciclaNews: Sostenibilità

Spreco alimentare: Ogni anno gettiamo nel cestino 750 miliardi di euro di cibo

    Francia, Germania e Spagna sono in prima fila nella lotta allo spreco alimentare, ma l’Italia stessa ha migliorato le performance nel 2017 rispetto all’anno precedente

    spreco alimentareOgni anno gettiamo nella spazzatura 145 chili di cibo a testa. Una quantità enorme. In tutto il globo sono invece circa 1,3 miliardi le tonnellate di alimenti buttate prima di arrivare sulla nostra tavola. Con un quarto di questo “spreco” si potrebbero sfamare 815 milioni di persone indigenti. Il fenomeno in analisi è anche un problema d’inquinamento atmosferico. Il gas metanometano
    Idrocarburo che rappresenta il costituente principale del gas naturale.
    prodotto da quello che finisce in discarica è difatti 21 volte più dannoso della CO2CO2
    Gas inodore, incolore e non infiammabile, la cui molecola è formato da un atomo di carbonio legato a due atomi di ossigeno. È uno dei gas più abbondanti nell’atmosfera, fondamentale nei processi vitali delle piante e degli animali (fotosintesi e respirazione).

    . Si calcola, ad esempio, che riducendo lo spreco di cibo soltanto negli Stati Uniti del 20 per cento, in 10 anni si otterrebbe una riduzione delle emissioni di gas serra annuali di 18 milioni di tonnellate.

    I paesi più virtuosi nella battaglia globale contro lo spreco alimentare sono Francia, Germania e Spagna. Indonesia, Libano ed Emirati Arabi sono invece molto indietro.

    Sono dati riportati in vista della Giornata Nazionale di Prevenzione allo Spreco Alimentaredel 5 febbraio, dal Food Sustainability Index, indice creato da Fondazione Barilla e The Economist Intelligence Unit, che analizza 34 Paesi in base alla sostenibilità del loro sistema alimentare.

    Secondo l’Index in questione, l’Italia sta facendo grandi passi in avanti nella lotta allo spreco alimentare. Grazie alla Legge Gadda in campo industriale, ad esempio, sono state semplificate le procedure per le donazioni degli alimenti invenduti e il recupero di cibo da donare ai bisognosi.

    Mettendo a confronto i dati della filiera alimentare del periodo 2016- 2017, alla voce “cibo sprecato” (in percentuale della produzione alimentare totale del Paese), si è passati dal 3,58% del food gettato rispetto a quello prodotto nel 2016, al 2,3% del 2017. Sul versante dello spreco siamo stati pertanto più virtuosi di Germania e Giappone.

     

    Orizzontenergia

     

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button