NewsEnergia & MercatoPolitica EnergeticaRinnovabiliStakeholder energiaKyoto Club

Taglio degli incentivi: dilettanti allo sbaraglio

    Roma, 4 luglio 2011 – Per Kyoto Club il solo annuncio di misure di questo tipo, dopo che si era raggiunto un delicato equilibrio con il Quarto Conto EnergiaConto Energia
    Il Conto Energia è una forma di incentivazione statale a sostegno della produzione di energia elettrica da impianti fotovoltaici.
    Entrato in vigore con il Decreto Ministeriale del 19 Febbraio 2007, consiste nell’attribuzione di una tariffa incentivante, proporzionale all’energia prodotta, in base alla tipologia di impianto (non integrato architettonicamente, parzialmente integrato, integrato). Le tariffe vengono corrisposte per un periodo di 20 anni a partire dalla data di entrata in esercizio dell’impianto e rimangono costanti per l’intero periodo.
    per il fotovoltaico, è micidiale per il settore delle rinnovabili e dell’efficienza energeticaefficienza energetica
    Con questi termini si intendono i miglioramenti che si possono apportare alla tecnologia per produrre gli stessi beni e servizi utilizzando meno energia, con conseguente riduzione dell’ impatto ambientale e dei costi associati.
    e per la credibilità del sistema Italia a livello internazionale. Peraltro le sanzioni per il mancato raggiungimento degli obiettivi al 2020 sarebbero ben superiori a quelle delle quote latte.

    Kyoto Club apprende con incredulità che il testo della manovra economica del Governo continua a riportare, negli ultimi due commi dell’articolo 35, la disposizione che prevede a partire dal 1° gennaio 2012 il taglio del 30% della componente della bolletta elettrica e del gas destinata a finanziare agevolazioni di vario tipo, incluse le fonti rinnovabilifonti rinnovabili
    Una risorsa è detta rinnovabile se, una volta utilizzata, è in grado di rigenerarsi attraverso un processo naturale in tempistiche paragonabili con le tempistiche di utilizzo da parte dell’uomo. Sono considerate quindi risorse rinnovabili:
    – il sole
    – il vento
    – l’acqua
    – la geotermia
    – le biomasse
    .

    Il Ministro della Semplificazione Normativa, Roberto Calderoli, che si è fatto strenuo promotore di questa proposta bomba, secondo Kyoto Club probabilmente non conosce la materia che sta maneggiando, né gli impegni vincolanti per il nostro paese al 2020. Tanto meno sembra conoscere il tessuto imprenditoriale che sta dietro un comparto, quello delle rinnovabili e dell’efficienza energetica che come tutti i settori industriali ha bisogno di un quadro stabile per investire e creare reddito. Un comparto, peraltro, molto ben radicato nelle Regioni del Nord Italia, dove la Lega dice di avere l’esatta percezione di quello che vuole l’opinione pubblica.

    Un segnale però che dimostra lo scollamento di una parte della politica dalla realtà produttiva in un settore strategico per il futuro del paese così come dal quadro di riferimento europeo.

    Per Kyoto Club, usare la mannaia per dirimere un ambito complesso, senza distinguere tra incentivi e agevolazioni di diversa natura e senza valutare gli impatti di un approccio che così come concepito è probabilmente incostituzionale, solleverà un vespaio e sarà sicuramente controproducente per un Governo che ormai è in una continua fase di corto circuito, dove alcuni ministri scavalcano posizioni già acquisite e concordate in ambito collegiale, in un esercizio di totale improvvisazione.

    Per Gianni Silvestrini, direttore scientifico di Kyoto Club e di QualEnergia, “Il solo annuncio di misure di questo tipo, dopo che si era raggiunto un delicato equilibrio con il Quarto Conto EnergiaEnergia
    Fisicamente parlando, l’energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L’unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
    per il fotovoltaico, è micidiale per la credibilità del sistema Italia a livello internazionale. Peraltro le sanzioni per il mancato raggiungimento degli obbiettivi al 2020 sarebbero ben superiori a quelle delle quote latte!”.

    Gli effetti di questo provvedimento sarebbero marginali nelle tasche dei cittadini, ma avrebbero effetti dirompenti per il settore delle energie pulite con circa 100 mila occupati diretti e indiretti e per quello dell’efficienza energetica che coinvolge un numero molto maggiore di addetti.

    E tutto questo, proprio mentre il Governo dovrebbe lavorare ad un nuovo quadro regolatorio e incentivante per il settore delle rinnovabili e dell’efficienza energetica in vista degli obiettivi europei del 2020.

     

    Fonte: Kyoto Club, 04/07/2011

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button