NewsRinnovabiliFotovoltaicoStakeholder energiaOrizzontenergia.it

Tecnologia tutta italiana per il primo impianto fotovoltaico che galleggia e insegue il sole

    È stato inaugurato in provincia di Pisa il primo impianto FV a inseguimento. Grazie alla tecnologia del Floating Tracking Cooling Concentrator (Ftcc), nata nei laboratori di una società pisana, la Scienza industria tecnologia (Sit), sarà possibile sfruttare anche le aree inutilizzate dei bacini artificiali.

    Questo innovativo impianto, montato su zattere che muovendosi inseguono i raggi solari, ha un impatto ambientaleimpatto ambientale
    L’insieme degli effetti (diretti e indiretti, nel breve o nel lungo termine, positivi o negativi, ecc..) che l’avvio di una determinata attività ha sull’ambiente naturale circostante.
    e paesaggistico limitato.

    Realizzato grazie alla collaborazione della toscana Koiné Multimedia e della Enertec di Trento, il primo impianto pilota, terminato a settembre, occupa 300 metri quadri del bacino di Colignola per una potenzapotenza
    Grandezza data dal rapporto tra il lavoro (sviluppato o assorbito) e il tempo impiegato a compierlo. Indica la rapidità con cui una forza compie lavoro. Nel Sistema Internazionale si misura in watt (W).
    installata pari a 30 chilowatt in grado di soddisfare il fabbisogno di dieci abitazioni.

    «Il sistema che abbiamo brevettato è unico e sta ispirando aziende in Italia e all’estero», spiega Marco Rosa-Clot, amministratore delegato di Sit. «È arrivato perfino in California»

    Nel complesso, il fotovoltaico su “zattere” produce fino al 75% di energiaenergia
    Fisicamente parlando, l’energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L’unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
    in più rispetto ad un impianto tradizionale e vanta il 20% di costi in meno.

     

    Orizzontenergia.com, 23/12/2011

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button