NewsEfficienza & RisparmioPompa Di CaloreRiscaldamento E RaffrescamentoStakeholder energiaOrizzontenergia.itEfficienza Energetica

TINA: la caldaia amica dell’ambiente e del portafoglio

    Come molti di voi sapranno il microclima cittadino è fortemente condizionato dall’inquinamento dovuto alle caldaie. Circa il 90% del calore prodotto nel nostro Paese proviene infatti da tradizionali impianti a radiatori.

    Allo scopo di ridurre l’inquinamento cittadino è stata quindi concepita una nuova tecnologia per il riscaldamento più rispettosa dell’ambiente, frutto di un progetto facente parte del Programma EnerPlan sponsorizzato dal Ministero dell’Ambiente e da AREA Science Park di Trieste.

    Si tratta di TINAThere Is No Alternative – questo l’acronimo di un’innovativa pompa di calorepompa di calore
    Macchina in grado di trasferire calore da un corpo a temperatura più bassa ad un corpo a temperatura più alta, utilizzando energia elettrica. Le pompe di calore funzionano grazie a diversi principi fisici, ma sono classificate in base alla loro applicazione (trasmissione di calore, fonte di calore, dispersore di calore o macchina refrigeratrice).
    .

    Sebbene sia stata abbinata allo slogan “TINA – la ‘caldaiacaldaia
    Dispositivo in cui l’energia chimica posseduta da un combustibile viene trasformata in calore attraverso un processo di combustione. Il calore ottenuto generalmente assolve compiti di riscaldamento oppure viene impiegato per produrre vapore (in questo caso si parla di generatore di vapore).
    ‘ che non inquina”, TINA non è una vera caldaia, bensì una pompa di calore di nuova concezione le cui prestazioni superano di gran lunga quelle di una caldaia tradizionale.

    TINA può infatti generare acqua calda fino ad 85°C adattandosi perfettamente anche ai tradizionali impianti a caloriferi, senza alcun intervento strutturale agli impianti di distribuzionedistribuzione
    Attività di trasporto (di elettricità o di gas) agli utilizzatori finali attraverso le reti di distribuzione.
    del calore degli edifici urbani già esistenti: condomini, ospedali, caserme, scuole, uffici, ed in generale impianti di riscaldamento centralizzati di media e grande potenzapotenza
    Grandezza data dal rapporto tra il lavoro (sviluppato o assorbito) e il tempo impiegato a compierlo. Indica la rapidità con cui una forza compie lavoro. Nel Sistema Internazionale si misura in watt (W).
    in ambito cittadino.

    Con un semplice plug&play la vecchia caldaia viene quindi sostituita da questa innovativa pompa di calore senza dover ricorrere a pesanti ristrutturazioni.

    Siti ideali dove installare la caldaia TINA

    Grazie al suo COP (Coefficiente di Efficienza EnergeticaEfficienza Energetica
    Con questi termini si intendono i miglioramenti che si possono apportare alla tecnologia per produrre gli stessi beni e servizi utilizzando meno energia, con conseguente riduzione dell’ impatto ambientale e dei costi associati.
    ) molto premiante
    , TINA può concorrere con caldaie di nuova generazione a gas metanometano
    Idrocarburo che rappresenta il costituente principale del gas naturale.
    , le cosiddette caldaie a condensazione. Oltre ad essere impiegata per scopi di riscaldamento TINA, essendo reversibile, può essere utilizzata anche per il raffrescamento.

    Obiettivi del progetto TINA

    COP di Tina

     

     

    TINA è una pompa di calore ad acqua. Il 70% dell’energiaenergia
    Fisicamente parlando, l’energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L’unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
    utilizzata da TINA proviene infatti dall’acqua e solo il 30% dall’energia elettricaenergia elettrica
    Forma di energia ottenibile dalla trasformazione di altre forme di energia primaria (combustibili fossili o rinnovabili) attraverso tecnologie e processi di carattere termodinamico (ovvero che coinvolgono scambi di calore) che avvengono nelle centrali elettriche. La sua qualità principale sta nel fatto che è facilmente trasportabile e direttamente utilizzabile dai consumatori finali. Si misura in Wh (wattora), e corrisponde all’energia prodotta in 1 ora da una macchina che ha una potenza di 1 W.
    , che se prodotta da fonti rinnovabilifonti rinnovabili
    Una risorsa è detta rinnovabile se, una volta utilizzata, è in grado di rigenerarsi attraverso un processo naturale in tempistiche paragonabili con le tempistiche di utilizzo da parte dell’uomo. Sono considerate quindi risorse rinnovabili:
    – il sole
    – il vento
    – l’acqua
    – la geotermia
    – le biomasse
    consente di azzerare a livello locale le emissioni in atmosferaatmosfera
    Involucro di gas e vapori che circonda la Terra, costituito prevalentemente da ossigeno e da azoto, che svolge un ruolo fondamentale per la vita delle specie, perché fa da schermo alle radiazioni ultraviolette provenienti dal Sole. Essa si estende per oltre 1000 km al di sopra della superficie terrestre ed è suddivisa in diversi strati: troposfera (fino a 15-20 chilometri), stratosfera (fino a 50-60 chilometri), ionosfera (fino a 800 chilometri) ed esosfera.
    .

    TINA opera con ogni tipologia di acqua di sorgente a condizione che non abbia temperature inferiori ai 7-8°C e che abbia una portata sufficiente.

    Oltre a far bene all’ambiente TINA fa bene anche al portafoglio dal momento che garantisce un risparmio sul costo dell’energia spesa per la gestione del calore rispetto ai combustibili fossili: dal 30 al 65%!

    Vantaggi Economici caldaia TINA

    Un altro vantaggio di questa pompa di calore è di tipo gestionale: risparmi del 35-45% legati ai minori costi di esercizio ed alla netta riduzione delle esigenze di manutenzione. Inoltre, a differenza delle tradizionali caldaie, TINA ha un rendimentorendimento
    In termini generali il rendimento è il rapporto tra “quanto ottenuto” in un processo e “quanto speso” per fare avvenire lo stesso processo. In termodinamica rappresenta la capacità di un sistema di convertire l’input di calore in lavoro utile. Il rendimento è un numero puro (cioè non ha unità di misura) ed è sempre compreso tra 0 e 1. A seconda dei termini che vengono messi a confronto è possibile ottenere diverse tipologie di rendimento utili a definire la bontà di un processo o di una macchina (per esempio rendimento elettrico, rendimento termico, ecc..) ma il ragionamento alla base è sempre lo stesso.
    del 100% in quanto non vi è alcuna dispersione del calore che raggiunge tra l’altro la temperatura desiderata in pochi istanti.

    FOCUS SULLE CARATTERISTICHE TECNICHE 

    Tecnicamente TINA è una pompa di calore bistadio che opera come segue: l’energia sottratta dall’acqua viene con un primo ciclo portata ad una temperatura intermedia che è quella tipica delle pompe di calore tradizionali e poi con un secondo ciclo termodinamico si toccano temperature più elevate fino a 80-85°C massimo.

    Funzionamento caldaia TINA

    Caratteristiche tecniche TINA

    Grazie ad una serie di soluzioni tecniche appositamente brevettate, fra le quali l’impiego di fluidi refrigeranti naturali di nuova concezione più premianti rispetto ai fluoro clorurati – che tra l’altro verranno banditi dal mercato a partire dal 2015 – TINA raggiunge un COP medio mai raggiunto prima di circa 3,5.

    Insomma una vera svolta!

    in questa pillola informativa…

    Redazione
    Orizzontenergia.it


    Potrebbe anche interessarti…

    News

    News

    Intervista

    Intervista

    Approfondimento

    Area divulgativa

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button