VideoCambiamenti ClimaticiAmbiente

Un batterio per combattere i cambiamenti climatici

    Class Meteo

    Potrebbe essere un batterio a salvare il pianeta dalle conseguenze del cambiamento climatico. Secondo una nuova ricerca dell’Università dell’East Anglia, Regno Unito e pubblicata sulla rivista Nature, un unico ceppo batterico, il Methylocella Silvestris, presente nel suolo ed in altri ambienti comuni, può crescere nutrendosi sia di metanometano
    Idrocarburo che rappresenta il costituente principale del gas naturale.
    che di propanopropano
    Idrocarburo gassoso incolore e inodore, prodotto dalla raffinazione del petrolio greggio, che costituisce uno dei componenti principali del GPL. Il propano liquefa abbastanza facilmente, per questo viene stoccato in bombole ed utilizzato per usi domestici. La sua pericolosità sta nel fatto che è facilmente infiammabile (infatti ha un limite di infiammabilità molto basso in aria). Per evidenziarne la presenza, quindi, viene odorizzato.
    , due ingredienti che si trovano nel gas naturalegas naturale
    Idrocarburo che ha un’origine simile al petrolio, che si forma a partire dalla decomposizione anaerobica (cioè in assenza di ossigeno (O2) di microorganismi, attraverso processi biologici avvenuti nel corso delle ere geologiche. La composizione del gas naturale varia notevolmente a seconda del sito di formazione, ma in genere presenta un’alta percentuale di metano (dal 70 al 95 %), anidride carbonica (CO2CO2
    Gas inodore, incolore e non infiammabile, la cui molecola è formato da un atomo di carbonio legato a due atomi di ossigeno. È uno dei gas più abbondanti nell’atmosfera, fondamentale nei processi vitali delle piante e degli animali (fotosintesi e respirazione).

    ), azoto (N2) e idrogeno solforato (H2S). assoberdoli ed evitandone la dispersione in atmosferaatmosfera
    Involucro di gas e vapori che circonda la Terra, costituito prevalentemente da ossigeno e da azoto, che svolge un ruolo fondamentale per la vita delle specie, perché fa da schermo alle radiazioni ultraviolette provenienti dal Sole. Essa si estende per oltre 1000 km al di sopra della superficie terrestre ed è suddivisa in diversi strati: troposfera (fino a 15-20 chilometri), stratosfera (fino a 50-60 chilometri), ionosfera (fino a 800 chilometri) ed esosfera.
    . Questo 
    batterio potrebbe “combattere” contro l’enorme quantità di gas serra che stiamo continuamente immettendo in atmosfera, limitando una buona fetta delle cause antropiche al riscaldamento globale.

    Durata: 01:42

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button