NewsAmbienteStakeholder energiaProtocollo Di KyotoOrizzontenergia.itFrancesco De Luca

UNEI: “ETS: verso la terza fase”

    Riceviamo dall’UNEI – Unione dell’Elettricità Italiana e pubblichiamo una scheda di sintesi sul meccanismo ETS (Emissions TradingTrading
    Attività di acquisto e/o di vendita di prodotti (materie prime o commodities) sui mercati internazionali.
    System): lo strumento di mercato costituito al fine di controllare le emissioni di inquinanti e gas serra tramite la quotazione ed il commercio di quote di emissioneemissione
    Qualsiasi sostanza solida, liquida o gassosa introdotta nell’atmosfera a seguito di processi naturali o antropogenici, che produce direttamente o indirettamente un impatto sull’ambiente.
    tra le diverse nazioni partecipanti, nell’ambito del protocollo di Kyotoprotocollo di Kyoto
    È un accordo internazionale sull’ambiente siglato nel 1997 da oltre 160 paesi per la riduzione delle emissioni climalteranti. Entrato in vigore a febbraio 2005, prevede entro il 2012 la riduzione complessiva delle emissioni di gas serra del 5,2% rispetto ai livelli del 1990 (considerato come anno di riferimento). Per i Pesi in via di sviluppo non sono stati previsti obiettivi di riduzione. Il protocollo di Kyoto ha introdotto dei meccanismi (i cosiddetti “meccanismi flessibili”) per l’adempimento degli obiettivi di ciascun Paese, favorendo la cooperazione internazionale. Essi sono il Clean developmenti Mechanism, il Joint Implementation e l’Emission Trading.
    . Il meccanismo sta per entrare nella terza fase di applicazione. Numerose sono le problematiche in discussione sulle modalità di riduzione dell’ammontare dei permessi dopo la pubblicazione del recente documento della Commissione UE.

    A commento del documento rimandiamo all’articolo già pubblicato del Direttore Generale – Francesco De Luca.

    Un contributo conoscitivo importante ed estremamente dettagliato sull’argomento.

    SCARICA VERSIONE PDFCONSULTA ANCHE NOSTRA SEZIONE APPROFONDIMENTI

    Orizzontenergia.it, 13/09/2012 

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *