NewsAmbienteCambiamenti ClimaticiStakeholder energiaIspra

V RAPPORTO SUL CLIMA IPCC: L’UOMO RESPONSABILE AL 95% DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO

    Si tratta del contributo alla quinta valutazione IPCC (AR5) del Gruppo di Lavoro I che valuta i principi  fisici di base dei cambiamenti climatici, le osservazioni e le proiezioni climatiche.

    Il rapporto, è composto da una Sintesi per i  Decisori Politici (Summary for Policymakers), una Sintesi Tecnica (Technical Summary), 14 capitoli, alcuni allegati (Annexes) e altro materiale di supporto.

    Il WGI AR5 comprende dei capitoli dedicati alle variazioni del livello del mare, al ciclo del carboniocarbonio
    Elemento chimico costituente fondamentale degli organismi vegetali e animali. È alla base della chimica organica, detta anche chimica del carbonio: sono noti più di un milione di composti del carbonio. È molto diffuso in natura, ma non è abbondante: è presente nella crosta terrestre nella percentuale dello 0,08% circa, e nell’atmosfera prevalentemente come monossido (CO) e biossido (CO2CO2
    Gas inodore, incolore e non infiammabile, la cui molecola è formato da un atomo di carbonio legato a due atomi di ossigeno. È uno dei gas più abbondanti nell’atmosfera, fondamentale nei processi vitali delle piante e degli animali (fotosintesi e respirazione).

    ) di carbonio (anidride carbonica). Allo stato di elemento si presenta in due differenti forme cristalline: grafite e diamante., ad alcuni fenomeni climatici e alla loro influenza futura sui cambiamenti climatici a livello regionale.

    Nel rapporto c’è una valutazione della  scienza delle nuvole e degli aerosol e vi sono approfondite proiezioni climatiche sia a breve che a lungo termine.

    Un elemento di novità è l’Atlante delle Proiezioni Climatiche Globali e Regionali (Annex I) che migliora l’accessibilità per utenti e stakeholder.

    Secondo quanto riportato nel rapporto vengono confermate le tendenze attuali: aumento della temperatura dell’atmosferaatmosfera
    Involucro di gas e vapori che circonda la Terra, costituito prevalentemente da ossigeno e da azoto, che svolge un ruolo fondamentale per la vita delle specie, perché fa da schermo alle radiazioni ultraviolette provenienti dal Sole. Essa si estende per oltre 1000 km al di sopra della superficie terrestre ed è suddivisa in diversi strati: troposfera (fino a 15-20 chilometri), stratosfera (fino a 50-60 chilometri), ionosfera (fino a 800 chilometri) ed esosfera.
    e degli oceani
    , incremento del livello del mare e diminuzione dell’estensione del volume del ghiaccio terrestre.

    Sembrerebbe che molti di questi fenomeni non abbiano  precedenti su un arco di tempo che va dalle decine di anni ai millenni.

    Per quanto riguarda le temperature atmosferiche ad esempio il primo decennio del 21° secolo è stato il più caldo dal 1850. Secondo il  rapporto, dall’inizio del 20° secolo la temperatura media del pianeta è cresciuta di 0.89 °C, mentre il livello del mare è cresciuto in media di 19 cm.

    L’elemento principale del rapporto è l’anidride carbonica (CO2), maggiore responsabile del cambiamento in atto tra i gas serra. La  concentrazione di biossido di carbonio biossido di carbonio
    (CO2)

    Gas inodore, incolore e non infiammabile, la cui molecola è formato da un atomo di carbonio legato a due atomi di ossigeno. È uno dei gas più abbondanti nell’atmosfera, fondamentale nei processi vitali delle piante e degli animali (fotosintesi e respirazione).nell’atmosfera è cresciuta di più del 20% rispetto al 1958 e di circa il 40% dal 1750.

    L’attività  antropica rappresenta una causa fondamentale di questi fenomeni, l’uso  dei combustibili fossili e la deforestazione ad esempio risultano aver  causato più della metà dell’aumento di temperatura osservato.

    Il  rapporto ritiene “estremamente probabile”, con un indice del 95%, che attività imputabili all’uomo, vale a dire emissioni di gas-serra,  aerosol e cambi di uso del suolo, siano le cause principali del  riscaldamento globale osservato dal 1950.

    Si tratta di una  considerazione che va sempre più consolidandosi nel rapporto, considerato che la probabilità stimata secondo l’edizione del 2007 era del 90% e secondo la precedente del 2001 del 66%.

    Secondo l’IPCC le proiezioni per il futuro, basate su modelli matematici, indicano un’ulteriore crescita della temperatura.

    Il ruolo dell’IPCC è quello di fornire ai governi una valutazione completa e più aggiornata  possibile delle conoscenze scientifiche, tecniche, socio-economiche sui  temi legati ai cambiamenti climatici. Le proiezioni sui cambiamenti  climatici prese in esame si basano su una serie di specifici scenari. Da  questa valutazione, i decisori politici ricavano le informazioni sulle  potenziali conseguenze dei cambiamenti climatici, conseguenze che dipendono dallo scenario considerato.

    >>> “FIFTH ASSESSMENT REPORT CLIMATE CHANGE 2013: THE PHYSICAL SCIENCE BASIS”

    Fonte: ISPRA

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button