Zebre, come sono le loro strisce? La risposta secondo gli zoologi

Le zebre sono sicuramente tra gli animali più affascinanti e che lasciano sempre quel mistero. Come sono le strisce? Questa è la domanda ricorrente che almeno una volta ci siamo posti nella vita.

Zebra, qual è il colore
Zebra (Pixabay)

Misteriosi e bellissime, le zebre sono degli animali che si distinguono per il loro caratteristico manto a strisce. Bianco e nero diremmo in prima battuta, ma qual è l’effettivo colore? Questa è una di quelle domande che ci siamo posti sin da bambini e che ancora oggi non siamo riusciti – forse – a trovare la risposta. La domanda principale verte sulle strisce delle zebre; sono bianche o nere? Una curiosità diffusa che è diventata oggetto di studio.

Numerosi infatti gli zoologi che si sono prodigati con studi e ricerche approfondite atti a dare la giusta risposta a questa domanda. Dopo tanto tempo dedicata all’osservazione di questa specie animale è arrivato il momento che tutti stavamo aspettando. Questi quadrupedi unici nel loro genere hanno subito delle modifiche nel corso della loro evoluzione, ripercuotendosi sul manto che inizialmente non si presentavano nel modo che vediamo noi oggi.

LEGGI ANCHE -> Pets e cure naturali, utili consigli per la salute dei nostri amici a 4 zampe

Zebra, come sono le loro strisce? La risposta degli zoologi

Zebra, qual è il colore
Zebra (Pixabay)

LEGGI ANCHE -> Animali, come aiutare in inverno i nostri amici a quattro zampe

Secondo gli zoologi non ci sono dubbi: le strisce delle zebre sono bianche su sfondo nero. Hanno motivato sostenendo che ab origine le zebre erano nere e che il loro manto era scuro. Le strisce bianche sono spuntate nel corso della loro evoluzione. Il nero è un colore particolare per gli animali in quanto più predisposti ad essere attaccati dagli insetti.

Gli zoologi affermano infatti che le zebre con chiazze bianche sul manto scuro avevano maggiori possibilità di sopravvivenza rispetto ai loro simili più scuri. Le zebre quindi con un’altra presenza di bianco sulla propria pelle sono riusciti a sfuggire ad epidemie e malattie mortali. Le zebre a strisce poi hanno iniziato ad accoppiarsi e questo ha fatto sì che si diffondesse questa adorabile caratteristica. Le strisce inoltre confondono la mosca tse-tse insetto pericolosissimo per i mammiferi ma che domina l’habitat naturale delle zebre, ossia le zone del Sudafrica e della Namibia. La sopravvivenza è la risposta alla domanda del perché oggi presentino queste strisce.