Chi ha ucciso i dinosauri? Una teoria lascia senza parole. Scoperta sensazionale

Sin da quando si è bambini ci si chiede chi abbia ucciso i dinosauri. Una recente teoria supporrebbe che dietro la loro morte ci sia un gemello del nostro Sole.

meteorite
meteorite che sta per colpire la Terra – Foto da Pixabay

In astrofisica esiste una particolare teoria secondo la quale un modello di formazione stellare prevede che ogni astro abbia un suo gemello identico alla nascita.

La nascita di questa teoria vede la luce con una ricerca portata avanti nel 2017 e pubblicata sul Monthly Notices of the Royal Astronomical Society, a cura dell’astronomo dell’Università di Berkeley Steven W. Stahler e dell’astronoma dello Smithsonian Institute, Sarah Sadavoy.

La studio dei due scienziati ha mostrato come quasi tutte le stelle come il Sole (quindi di dimensioni medie), nascano come sistemi binari.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —-> Un telescopio che permetterà di vedere delle galassie. La NASA è pronta al lancio

“Abbiamo eseguito una serie di modelli statistici per vedere se potevamo spiegare le popolazioni relative di giovani stelle singole e binarie di tutte le separazioni nella nube molecolare di Perseus, e l’unico modello in grado di riprodurre i dati era quello in cui tutte le stelle si formano inizialmente come binari larghi” dichiara l’astronomo della Berkeley, Steven Stahler.

Il gemello del nostro Sole è davvero la causa dell’estinzione dei dinosauri?

cometa
Stella cometa che sfreccia nel cielo – Foto da Unsplash

Non ci sarebbe da stupirsi dato che nella storia dell’astrofisica di esempi di stelle binarie ce ne sono diversi. Basti pensare ad Alfa Centauri che è addirittura un sistema formato non da due ma da ben tre stelle: Alfa Centauri, Alfa Centauri A ed Alfa Centauri B.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —-> Cometa di Natale, la Stella di Betlemme sta per arrivare. Come fare per vederla

I dati raccolti a favore di questa teoria, hanno inoltre verificato una coincidenza tra il passaggio di questa stella gemella con il verificarsi di tutte le maggiori estinzioni di massa che hanno caratterizzato il nostro pianeta.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —-> Scoperto un nuovo esopianeta superleggero: potrebbe essere simile a Mercurio!

Il ciclo di estinzioni sul nostro pianeta, è avvenuto all’incirca ogni 27 milioni di anni, motivo per cui non c’è da allarmarsi. Dovrà passare ancora molto tempo prima che il “gemello cattivo” del nostro Sole, dal nome Nemesis, torni creando un’altra disastrosa estinzione di massa.