Il giardinaggio è un nostro alleato, ci aiuta a ridurre lo stress e a vivere meglio

Da una piantina a uno spicchio di terreno, è quanto basta per aiutarci a ridurre lo stress. Una via di fuga dalla città per la mente, lo afferma anche la scienza

Fare Giardinaggio (Pixabay)
Fare Giardinaggio (Pixabay)

Per ridurre lo stress e allontanarci dalla routine urbana solitamente siamo inclini a scegliere viaggi o percorsi rilassanti, soluzioni che sono però a breve termine. Ed invece il pollice verde è ciò di cui tutti noi abbiamo bisogno: facile, terapeutico e lo pratichiamo direttamente da casa. Non abbiamo bisogno di un ampio terreno, basta un piccolo balcone e tanta voglia di mettersi in gioco con un nuovo hobby. In molti promuovono gli effetti benefici del giardinaggio, anche la scienza. Diversi studi hanno portato ad alcune ed interessanti scoperte, vediamo quali.

Ti potrebbe interessare anche -> “Giardinaggio, il 2021 l’anno del “pollice verde”. I dati sui prodotti più acquistati”

Giardinaggio terapeutico, un toccasana per la mente e il corpo

Piantare in giardino (Pixabay)
Piantare (Pixabay)

Il giardinaggio può essere il nostro più grande alleato, sia per la mente che per il corpo. Molteplici studi affermano come stare all’aria aperta, dedicarsi ad attività meravigliose e creative, come il giardinaggio, abbia diversi effetti benefici sul nostro corpo. Gli anglosassoni la chiamano Garden Therapy, una terapia utile anche nella cura della depressione. In Gran Bretagna ad esempio, il Sistema sanitario ha raccomandato ai medici di prescrivere ai pazienti la “cura del giardinaggio”.

Sembra infatti che dedicarsi alla cura di piante o giardini, coltivare e veder crescere una pianta grazie al nostro contributo ed impegno, aiuti a combattere pensieri negativi. Ciò ci procura un piacere interiore, dovuto a un rilascio di endorfine. Per questo motivo, il giardinaggio come terapia viene utilizzato anche in alcune prigioni: richiede impegno, concentrazione, memoria; operazioni che impegnano corpo e mente, aiutando così a distrarsi.

Curare le piante creando un ambiente affascinante e vario aiuta a sentirsi capaci e competenti favorendo la propria autostima e, perché no, accresce anche lo stile e il glamour tra le pareti di casa nostra. Ci aiuta inoltre con l’attività fisica, risulta infatti che praticare giardinaggio per soli 30 – 45 minuti permette di bruciare fino a 300 calorie, beneficiando contemporaneamente del contatto con la natura e l’aria aperta.

Il giardinaggio prevede di inginocchiarsi, piegare la schiena, fare forza su braccia, mani, gambe ed articolazioni, ma sempre con la dovuta attenzione, bisogna ascoltare il proprio corpo. Quindi, i movimenti che noi effettuiamo con l’attività del pollice verde sono utili anche al nostro corpo e al nostro organismo: diminuzione della pressione sanguigna e riduzione del colesterolo, ad esempio, contribuiscono a migliorare i disturbi del cuore e dei vasi sanguigni.

La scienza analizza i benefici del giardinaggio: la ricerca

Ti potrebbe interessare anche -> “Coltivare ortaggi in casa è possibile. Nasce il sistema di giardinaggio intelligente”

I benefici del giardinaggio, grazie ai quali si riduce lo stress, sono stati valutati dall’Università di Wageningen, nei Paesi Bassi, attraverso una ricerca. 30 giardinieri, divisi in due gruppi, sono stati sottoposti a un lavoro stressante e per potersi ricaricare ad un gruppo è stato chiesto di leggere, all’altro di praticare giardinaggio. In entrambe le attività si è verificata una diminuzione del cortisolo, maggiormente in coloro che si erano dedicati alla cura delle piante, il cui umore era positivo per tutta la durata delle attività.

Il giardinaggio terapeutico è quindi per la nostra mente una finestra aperta che affaccia su benefici e aspetti positivi per il nostro umore, il nostro corpo e la nostra mente. Non resta quindi che distrarci, indossare i guanti e dedicarci alla cura di piante e fiori, prendendoci cura così anche di noi stessi!