Registrato uno strano suono vicino Giove. La scoperta della Nasa

La NASA ha fatto una nuova clamorosa scoperta. Ha registrato un suono molto strano vicino a Giove. I dettagli.

Giove
La superficie di Giove – Foto da Pinterest

Nell’ormai lontano 2011 è stata lanciata in orbita la sonda Juno della Nasa, con l’obiettivo di studiare il pianeta ed i suoi satelliti. In particolar modo, quest’anno si potrà studiare al meglio Ganimede, il più grande satellite di Giove e dell’intero sistema solare. Ganimede è più grande addirittura di Mercurio e a 200 km sottoterra dalla sua superficie è presente un intero oceano di acqua salata, un oceano così grande da avere un suo campo magnetico.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —-> Scoperto embrione di dinosauro, la notizia sconvolge il mondo

Quest’anno la vicinanza della sonda Juno a Ganimede, permetterà di studiarlo attentamente. In particolare, è possibile registrare le onde elettromagnetiche emesse dal satellite grazie allo strumento Waves. Ma ciò che ha scoperto la NASA ha degli elementi di spettacolarità. Analizzando con molta attenzione i suoni, spostando le onde sulla gamma audio, è stato ottenuto uno strano suono mai sentito prima.

NASA: la scoperta di un suono strano proveniente da Ganimede

giove
Il pianeta Giove – Foto da Pinterest

“Questa colonna sonora è abbastanza selvaggia da farti sentire come se stessi viaggiando mentre la sonda supera Ganimede per la prima volta in più di due decenni”, è così che descrive lo straordinario suono il fisico Scott Bolton del Southwest Research Institute.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —-> Estinzione dell’umanità, quale sarà la specie più evoluta sul pianeta? Le ipotesi

“Se ascolti attentamente puoi sentire il brusco cambiamento a frequenze più alte intorno al punto medio della registrazione, che rappresenta l’ingresso in una regione diversa nella magnetosfera di Ganimede”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —-> Anelli lunari: cosa sono e come osservarli

La missione, comunque, durerà fino al 2025 e se in così poco tempo abbiamo già fatto scoperte così sensazionali, chissà cosa potremo scoprire fino a quella data. Di certo si tratta di una missione molto interessante e dalla quale si potranno ricavare molte informazioni. La sola presenza dell’acqua, ad esempio, potrebbe essere un punto di partenza per poter individuare qualche forma di vita ipoteticamente presente sul satellite.