Piante da appartamento tossiche per la tua salute. Occhio a queste specie, sono insospettabili

Ci sono diverse piante belle con cui siamo soliti arredare la casa, ma in realtà sono tossiche e possono causare gravi problemi alla salute. Alcune sono insospettabili!

Anemone
Anemone, pianta boschiva, tossica, causa problemi al cuore e ai reni (foto da Pixabay)

Ci sono diverse piante belle con cui siamo soliti arredare la casa, ma in realtà sono tossiche e possono causare gravi problemi alla salute. Alcune sono insospettabili. Se non conosciamo bene la natura della pianta ornamentale che abbiamo in casa, sarebbe opportuno informarsi bene. Inoltre, la cosa migliore da fare, quando la si cura, è indossare dei guanti protettivi per evitare spiacevoli incidenti. Anche le piante da appartamento possono essere più o meno tossiche e creare allergie. Vediamo quali sono.

Potrebbe interessarti anche → Il giardinaggio è un nostro alleato, ci aiuta a ridurre lo stress e a vivere meglio

La tossicità delle piante varia in base alla specie, ma non solo, perché varia anche a seconda dell’ambiente in cui sono posizionate. Il Ministero della Salute fornisce un elenco delle piante che potrebbero dare allergia all’uomo. L’anemone, ad esempio, è una pianta considerata nociva. È molto bella da vedere, con i suoi fiori colorati di blu e di rosso. Si tratta di una pianta boschiva, presente sia in Europa che in Asia, eppure occorre stare attenti, specialmente se abbiamo bambini in casa. Mordere e ingerire i petali dei fiori potrebbe causare gravissimi problemi ai reni e al cuore. Se toccata, invece, potrebbe fare allergia e causare bolle e vesciche.

Le piante tossiche che abbiamo in casa e che potrebbero essere pericolose

Ricino
Ricino, i suoi semi sono velenosi (foto da Pixabay)

Il ricino è una bellissima pianta che può raggiungere qualche metro di altezza. È una pianta delle zone di mare e presenta frutti contenenti tre semini. Sono proprio i semi a creare problemi, i quali non devono essere mai ingeriti. Questi causano problemi all’apparato digerente, fanno insorgere dolori addominali, nausea e diarrea. Se mangiati in quantità possono portare alla morte. Stessa cosa per il ranuncolo, pianta che è possibile trovare anche in acqua. Questa crea infiammazioni alla pelle e problemi respiratori.

Potrebbe interessarti anche → Agrifoglio o pungitopo? Le differenze che ti stupiranno

Primula
Primula, causa infiammazioni ed eritemi (foto da Pixabay)

Il succo estratto dai peletti delle foglie della primula causa infiammazioni ed eritemi. Se accidentalmente la tocchiamo con le mani, dobbiamo stare attenti a non toccarci poi il viso, potrebbe essere molto pericoloso. La poenia, una pianta di bosco con foglie belle e grandi, causa gli stessi problemi, e in più provoca vomito. Alcune donne incinta che ne sono state a contatto hanno avuto addirittura un aborto spontaneo. Il rododendro, invece, crea bruciori e, se ingerito, gonfia la trachea, non facendo passare più ossigeno.

Le altre piante velenose, alcune sono insospettabili

Oleandro
Oleandro, provoca prurito e aritmia (foto da Pixabay)

L’oleandro lo troviamo spesso nelle abitazioni, ma anche in strada. Bè; va trattato con attenzione, se ingerito provoca prurito e aritmia. Stessi effetti della pianta mughetto, che si trova facilmente nei boschi, accanto alle querce, o del narciso, che decora le nostre montagne. Il lauroceraso, invece, presenta piccole foglie sempreverdi, alle quali sono attaccate dei fiorellini bianchi che sembrano grappoli di uva. Sia foglie che fiori sono tossici, se ingeriti provocano vomito e a volte anche svenimento.

Agrifoglio
Agrifoglio, pianta di montagna, mai ingerire i suoi frutti (foto da Pixabay)

Le foglie dell’agrifoglio sono belle e spinose, i suoi frutti sono rossi e piccolini. È una pianta che cresce ad alte quote, sulle montagne. Mai ingerire i suoi frutti, sono velenosi. Stesso discorso per piante come ciclamino, dieffenbachia o agave. Foglie, fiori e bacche sono tossiche per uomini e animali, creano problemi alla gola e hanno un impatto devastante sul sistema cardiovascolare. Filodendro e ginestra, che sono belle da vedere, ma presentano gli stessi problemi.

Edera
Edera, può provocare irritazioni cutanee (foto da Pixabay)

Potrebbe interessarti anche → Foglie ingiallite e bruciate? Le possibili cause e tutti i rimedi per le tue piante

L’edera è comunissima, ma anche questa può causare irritazioni cutanee, inoltre non va mai ingerita, specialmente le bacche. La thuja e la stella di Natale creano problemi gastrointestinali. Anche il tulipano, uno dei fiori più belli in assoluto, è nocivo. Se ingerito, causa problemi gravissimi al sistema circolatorio e può portare alla morte in breve tempo. Sono tutte piante meravigliose, che portano colore e bellezza alla casa, ma possono essere letali, sia per noi che per i nostri animali domestici. Informarsi bene è sempre la cosa migliore da fare per evitare incidenti.