Piante fertilizzate con acqua e sali d’Epsom, quello che accadrà sarà un piccolo miracolo

Le piante fertilizzate con acqua e Sali d’Epsom è un antico metodo segreto utilizzato da generazioni di giardinieri. Vediamo quali sono i suoi benefici.

Rosa del deserto
Rosa del deserto

Gli amanti del giardinaggio molte volte si sono chiesti quale fertilizzante è più adatto per il trattamento delle proprie piante. Quello dei fertilizzanti è davvero una dimensione molto ampia, ma un fattore rappresenta una certezza: i migliori sono sempre quelli naturali.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —-> Cometa di Natale, la Stella di Betlemme sta per arrivare. Come fare per vederla

I concimi naturali sono di sicuro la scelta migliore perché non danneggiano l’ambiente, non sono nocivi per la salute umana, e di sicuro sono molto più economici. Spesso possiamo prepararli utilizzando ingredienti che abbiamo in casa o alcuni scarti. Uno di questi è quello più utilizzato da generazioni di giardinieri per rinforzare ortaggi e verdure: i Sali d’Epsom.

Ricchi di minerali, i sali d’Epsom aiutano le nostre piante a crescere vigorose

Pomodori, cibo acido
Pomodori, cibo acido (fonte corriereortofrutticolo.it – Pinterest)

L’utilizzo dei sali d’Epsom è un antico metodo adoperato dagli esperti giardinieri. Un segreto che si tramanda da secoli, che a quanto pare, elargisce benefici al trattamento delle nostre piante. I Sali d’Epsom prendono il loro nome dalla località dove furono scoperti, Epsom appunto, una cittadina dell’Inghilterra.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —-> Non siamo soli nell’universo? Scoperto nuovo pianeta. Grandissima emozione!

Sono minerali naturali di solfato di magnesio, e possiamo trovarli in cartone e confezionati sia nelle erboristerie, sia nei negozi alimentari. Il loro uso non si limita solo al giardinaggio, ma sono spesso utilizzati come defaticante muscolare, o come dei lassativi.

I Sali d’Epsom contengono solfato di magnesio idrato e la loro composizione ha delle proprietà nutritive fondamentali per la crescita vigorosa delle piante. Il magnesio fatta eccezione per la lattuga e gli spinaci, è una proprietà cruciale per lo sviluppo delle piante. Un’eccessiva carenza di magnesio, può provocare sintomi come l’arricciatura delle foglie e un progressivo rallentamento della crescita.

Sono il fertilizzante ideale per i fiori, soprattutto le rose, ma mostrano ottimi risultati anche per il trattamento di alcuni ortaggi come i pomodori e peperoni. Il loro utilizzo è veramente molto semplice, essendo tra l’altro solubili in acqua, ma soprattutto economico. Vediamo cosa serve: un cucchiaino di sale d’Epsom, quattro litri d’acqua circa e un annaffiatoio.

Basterà sciogliere nell’acqua i sali, e iniziare ad innaffiare le piante; per rendere il trattamento efficace, è necessario ripeterlo almeno una volta al mese. In questo modo noterete subito dei piccoli miglioramenti; ad esempio una migliore fioritura della pianta, un colore più verde, e una pianta più rigogliosa.

C’è da fare però, una piccola considerazione critica in merito all’efficacia dei Sali d’Epsom. Infatti i vari ricercatori non sono mai stati particolarmente colpiti dai risultati ottenuti con questo trattamento. Anzi alcuni lo sconsigliano, ripudiando completamente questa antica teoria. Tuttavia molti giardinieri continuano a sostenere esattamente il contrario.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —-> Una scatola nera per registrare la fine del mondo. Il progetto prende vita

In linea generale, il magnesio contenuto nei Sali d’Epsom svolge un importante ruolo ne rafforzare le pareti cellulari delle piante. Aiuta la germinazione dei semi nella fotosintesi e nella formazione di frutti e semi. Per questo motivo in molti usano i sali come fertilizzante al momento della semina, anche se l’efficacia dipende esclusivamente dalla composizione del terreno.