Natale sostenibile, come evitare gli sprechi partendo dal menù da servire

Natale è da sempre la festa della famiglia, dello stare insieme e del buon cibo. Alcuni segreti per evitare gli sprechi e servire un menù gustoso.

Menu Natale contro gli sprechi
Tavola apparecchiata (Pixabay)

Natale è tempo di pace, di famiglia e di buon cibo. Anche i più attenti alla linea cedono davanti alle tavole imbandite con delle pietanze da far venire l’acquolina in bocca, Al nord come al sud ed isole comprese, ogni regione ha i suoi piatti tipici che ben scandiscono la magia del Natale. La cena del 24 ed il pranzo del 25, sono queste le date che si concentrano in lunghe tavolate piene di cibo. Quello che spesso avviene davanti a cotanta abb0ndanza è sicuramente lo spreco, il rischio è sempre dietro l’angolo.

Per meglio entrare nello spirito natalizio dovrebbe essere buona prassi quella di non buttare il cibo che rimane nei giorni di festa e piuttosto consumarlo il 26, per Santo Stefano. Avanzi gustosi o piatti reinventati, ogni soluzione scelta è sicuramente una buona azione. Ecco alcune idee su come consumare i piatti per un Natale sostenibile.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE -> Centrotavola natalizi con materiali riciclati, tante idee fai da te

Natale sostenibile, consigli per una buona tavola anti spreco

Menu Natale contro gli sprechi
Babbo Natale (Pixabay)

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE -> Natale senza plastica, vivi le feste in modo green. Tutto ad impatto zero

Uno degli alimenti che rimane maggiormente nelle tavole imbandite è il pane. Questo può essere reinventato creando ricette gustose, quali ad esempio:

  1. Crostini per le zuppe;
  2. Polpette, da abbinare ai secondi di carne;
  3. French toast caldi, ideali da farcire a proprio piacimento;
  4. Gnocchi di patate con il pane raffermo, la mollica essendo morbida si presta ad essere modellata;
  5. Polpette fritte con mozzarella e prosciutto, una delizia che accomuna grandi e piccini.

Ovviamente lo stesso vale quando rimangono le verdure; la pizza rustica è certamente un buon compromesso per preparare un piatto gustoso, leggero e anti spreco. Un pasticcio al forno può essere l’idea vincente se rimangono tanti avanzi di ravioli e pasta, basta aggiungere del formaggio filante e verrà consumato in men che non si dica.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE -> Frutta e verdura, i prodotti stagionali immancabili sulla tavola di Natale

Per quanto riguarda i secondi piatti, spesso viene preparato l’arrosto nei giorni di festa. Perfettamente consumabile anche il girono dopo, per Santo Stefano, basta scaldarlo al microonde oppure in forno con un po’ si sugo. Per un Natale sostenibile, infine, il pandoro questo può essere consumato a colazione, con marmellata o miele oppure può diventare l’ingrediente principale per un tiramisù da sogno.