Natale e stereotipi, quale personaggio hai ritrovato a tavola con te?

Natale e stereotipi, un abbinamento presente in tutte le famiglie e che nel periodo natalizio ritroviamo nelle nostre cene familiari. Tu quale parente-stereotipo hai ritrovato?

Tavola di Natale
Tavola di Natale (fonte Pixabay)

Lo stereotipo è un’idea preconcetta, prevenuta e generalizzata, basata spesso su background culturali, di etnicità, di genere, che ad etichettare un gruppo o un individuo con accezione negativa o positiva. Un’immagine figurativa che categorizza l’individualità all’interno di una credenza che è divenuta costante a causa del suo diffuso utilizzo

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —-> Aurora boreale, la danza di luci da ammirare almeno una volta nella vita. Spettacolo unico al mondo

Uno stereotipo sociale consiste nell’attribuire alcuni tratti in comune a tutti gli individui che sono membri di un gruppo sociale, e anche nel conferire a questi stessi membri differenze che li distinguono dallo stesso gruppo di appartenenza. Gli stereotipi introducono semplicità dell’argomentazione ma anche una sorta di complessità nell’attribuzione di specifiche caratteristiche, riscontrabili anche a Natale.

La nonna che vive in cugina, la zia brilla o il parente ignoto. Quale stereotipo hai incontrato a Natale?

nonna in cucina (pixabay)
nonna in cucina (pixabay)

Noi italiani siamo stereotipizzati sin dalla nascita in quanto, l’inquadramento in determinati quadri categoriali, avviene sin dalla tenera età. Questo molte volte è una reazione nel dare una spiegazione ad una specifica situazione. Quando si percepisce qualcuno in modo stereotipo, si tende ad attribuirgli tutte le caratteristiche condivise all’interno del gruppo sociale.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —-> Registrato uno strano suono vicino Giove. La scoperta della Nasa

Quale momento migliore per ripercorrere tutte le categorie stereotipizzanti se non la cena della vigilia o il pranzo di Natale. Puntualmente in questa occasione scorgiamo categorie a noi già note, che puntualmente si ripresentano in queste occasioni. Vediamo quali sono gli stereotipi più frequenti nei nostri familiari.

Prima fra tutti a guidare la classifica degli stereotipi familiari, è senza alcun dubbio la nonna che vive in cucina. Le nostre amate nonne ne fanno una ragione di vita e purché la cena riesca alla perfezione sono disposte a passare tutta la vigilia in cucina.

A seguire, nella nostra classifica, troviamo l’adorabile nonno che dorme ovunque. Per il nonno non esiste un momento giusto per dormire poiché tutti i momenti sono utili per riposare un po’. Dunque o all’inizio del pranzo o subito dopo, se nei paraggi c’è una comoda poltrona, state sicuri che il nonno dormirà li.

Immancabilmente in tutte le occasioni di Natale, la zia brilla fa sentire la sua presenza. Una presenza talvolta fastidiosa, ma che anima la festa in un modo indimenticabile. Ad ogni festività non possono mancare i ficcanaso; questa mitologica figura è quella che in ogni occasione vi farà il terzo grado cercando di ricavare ogni tipo di informazione utile: figli, matrimoni, figli dei figli, matrimoni dei figli ecc ecc.

Un altro stereotipo molto frequente durante le occasioni natalizie, è il parente ignoto. Per chi ha una famiglia molto vasta, questa figura puntualmente non manca mai. Quante volte ci è capitato di chiedere chi sia quel parente scambiato per un imbucato? Il classico parente senza nome.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —-> Estinzione di massa, ipotesi o realtà? Il terribile annuncio di un professore del MIT

Durante la cena infine, celati inizialmente alla nostra vista, si ergono affermati politici, e sapienti tuttologi. Attenzione a scegliere l’argomento che può risvegliare questo sopito pozzo di sapere, perché una volta svegli vi ammorberanno per tutta la cena, elargendo e dispensando pareri dalla dubitevole veridicità. Se trattati con le pinze, la cosa risulterà meno noiosa, possiamo assicuralo.