Riutilizza i vestiti vecchi: ci sono diversi metodi per poterlo fare!

Riutilizza i vestiti vecchi e mostra la tua creatività, non serve comprare cose nuove, realizzale tu riciclando!

Vestiti da riutilizzare (Pixabay)
Vestiti da riutilizzare (Pixabay)

I vestiti vecchi possono essere riutilizzati per creare sia dei nuovi capi d’abbigliamento, che oggetti utili per la nostra quotidianità. Possiamo tinteggiare i capi bianchi con diverse tecniche, viceversa usando la candeggina sui panni colorati. Evitando la produzione di rifiuti, aiutiamo il pianeta e soprattutto facciamo scelte green mettendo in pratica il Riciclo Creativo. Possiamo anche dilettarci nel riutilizzare i vestiti prendendolo come un gioco, creando vestiti per le bambole dei nostri bimbi. In ogni caso, con l’arrivo del cambio di stagione possiamo approfittare di questo momento e rimodernare o trasformare i vestiti che sappiamo non indosseremo più.

Ti potrebbe interessare anche -> “Bucce di cetriolo, utili rimedi “salva vita”. Alcuni sono davvero formidabili”

Metodi per riutilizzare i nostri vestiti vecchi

Vestiti da riutilizzare (Pixabay)
Vestiti da riutilizzare (Pixabay)

I metodi per riciclare i vestiti che non indossiamo più ne sono tanti. Non per forza devono essere i nostri vestiti, ma anche quelli dei nostri partner. Ad esempio, le maglie o le felpe che il nostro compagno non usa più possiamo tagliarle all’altezza del sottobraccio, da un lato all’altro; nella parte bassa dove è posizionata la cucitura dobbiamo poi praticare dei fori in cui inserire una corda della misura della nostra circonferenza vita. Una volta terminato ci ritroveremo con una comoda gonna da indossare.

Ti potrebbe interessare anche -> “Aria viziata, con la pianta anti-smog si respira meglio. Quale sarà quella giusta?”

Anche i boxer se piegati a metà, basterà tagliare la parte del cavallo, creeremo così un foro per la nostra testa e ci ritroveremo dei pratici top sportivi. Le camicie possono, invece, diventare delle splendide camicie corte ed elasticizzate in vita. Come? Taglia la camicia qualche centimetro più in giù della vita, regolandoti in base all’altezza del tuo busto, crea una piega di un centimetro e rifiniscila a mano; prima di chiudere inserisci un elastico della giusta misura ed il gioco è fatto!

Ti potrebbe interessare anche -> “Stella di Natale, come curarla dopo le feste. Basta poco per farla rifiorire”

Nel caso di t-shirt molto ampie, possiamo,  una volta aver tagliato via il colletto e allargato il foro per far sì che ci calzi bene in vita, tagliare il fondo creando tante strisce di mezzo mezzo o un centimetro ognuna. Il risultato sarà una gonna con delle frange alle base; le maniche basterà svoltarle verso l’interno e se chiudiamo il foro delle braccia fungeranno da tasche. Se non ci piace l’effetto “frangia”, possiamo creare degli intrecci con le varie striscioline per un effetto ancora più glamour!

Ti potrebbe interessare anche -> “Quando i profumi rievocano l’odore del mare: i più famosi legati all’acqua”

La stessa tecnica può essere usata anche per creare dei cardigan perfetti per il periodo estivo, apportando però qualche modifica. Il colletto va sempre tagliato via, insieme alla piega presente sul fondo della maglia. Poi dovremo praticare un taglio dalla base fino in su, giusto al centro, creando un apertura, ed ecco il nostro cardigan! Anche in questo caso potremo creare delle frange alla base o anche degli intrecci. Non perdere altro tempo, scatena la tua creatività, riutilizza i vestiti vecchi!