Trasformare lo zucchero in fibra, forse ci siamo: il progetto di Kraft Heinz

Grazie a una colloborazione con Wyss Institute Heinz ha avviato uno studio e un progetto per diminuire la presenza di zucchero nei loro prodotti

progetto Heinz trasformare zuccheri fibra
Laboratorio – Pixabay – OrizzontEnergia-it

PER TUTTI GLI ALTRI AGGIORNAMENTI SEGUICI SU INSTAGRAM

Kraft Heinz ha collaborato con il Wyss Institute dell’Università di Harvard. Una collaborazione che è servita per trovare un modo per ridurre la quantità di zucchero nei loro prodotti alimentari. Il tutto senza intaccare le proprietà benefiche dello zucchero, come il colore dorato del caramello sui prodotti da forno o la densità delle marmellate.

Dopo due anni di lavoro, i risultati sono stati soddisfacenti, anche se la soluzione proposta è stata sorprendente: trasformare lo zucchero in fibra. Questo significa che Kraft Heinz sta cercando di creare prodotti alimentari che possono essere gustati senza preoccuparsi dell’aumento di peso, ma che comunque forniscono i benefici dello zucchero.

Kraft Heinz dalla proposta alla realtà

studio heinz kraft diminuzione zuccheri
Microscopio – Pixabay – OrizzontEnergia.it

La soluzione trovata dallo Wyss Institute per ridurre la quantità di zucchero nei prodotti alimentari di Kraft Heinz può essere paragonata al processo di innovazione. Come nel caso dello Wyss Institute, spesso si ha un problema difficile da risolvere e si cerca un modo per affrontarlo. Dopo vari tentativi e sforzi, si può arrivare a una soluzione che richiede di stravolgere le cose e pensare fuori dagli schemi. Nel caso dello Wyss Institute, la soluzione è stata quella di trasformare lo zucchero in fibra una volta che è già nell’intestino, permettendo così ai clienti di Kraft Heinz di ridurre la quantità di zucchero nei loro prodotti alimentari senza perdere le proprietà benefiche dello zucchero.

La ricerca dello Wyss Institute sulla riduzione della quantità di zucchero nei prodotti alimentari di Kraft Heinz si è basata sugli enzimi normalmente utilizzati dalle piante per trasformare lo zucchero in fibra. Gli scienziati hanno cercato un modo per aggiungere questi enzimi al cibo senza modificare il contenuto di zucchero, e hanno finito per incapsularli in nanoparticelle sferiche per proteggerli durante i processi di produzione alimentare.
Quando gli enzimi vengono rilasciati durante il passaggio dallo stomaco all’intestino, a causa di un aumento del pH, iniziano a trasformare lo zucchero in fibra. In questo modo, è possibile ridurre la quantità di zucchero nei prodotti alimentari senza perdere le proprietà benefiche dello zucchero.

Judith Moca, responsabile della scoperta e dello sviluppo tecnologico di Kraft Heinz, ha commentato che quando hanno presentato il loro problema allo Wyss Institute, pensavano di avere un problema impossibile da risolvere. Tuttavia, lo Wyss Institute è riuscito a capovolgere il problema e a presentare un’idea ancora più sorprendente per risolverlo. Nonostante l’approccio sembri complesso, il metodo ha funzionato permettendo a Kraft Heinz di ridurre la quantità di zucchero nei loro prodotti alimentari senza perdere le proprietà benefiche dello zucchero.