Il tuo ciclamino ha dei fiori secchi? Evita di commettere questo errore comune

Il tuo ciclamino non ne vuole sapere di vivere? I fiori sono secchi, appassiti e poco sgargianti? Stai commettendo un errore davvero comune, ti sveliamo quale.

Ciclamino - pixabay
Ciclamino – pixabay

Il ciclamino è una bellissima pianta autunnale, se si come curarla ti darà tantissime soddisfazioni per tutto l’inverno ed anche in primavera. Se sei un vero pollice verde anche per anni. Questa è una piantina molto amata che mette di buon umore soprattutto per i suoi colori sgargianti. Il suo profumo inebriante è inconfondibile e dona tanto benessere alla casa. Non ha bisogno di moltissime cure ma quelle poche attenzioni saranno fondamentali.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —-> Butti i tubi della carta igienica? Non farlo, ti mostriamo come riciclarli

Esistono tre specie di ciclamini, Cyclamen hederifolium (colore rosa pallido o bianco) , Cyclamen purpurascens (colore rosa carminio), Cyclamen repandum (color porpora). Le caratteristiche delle varie famiglie sono differenti, ma una cosa è certa, non bisogna mai commettere gli stessi errori con tutti e tre.

Come si coltivano e curano i ciclamini

Ciclamino - pixabay
Ciclamino – pixabay

Questa pianta deve vivere all’aperto, per tutto l’autunno e l’inverno. Solo se la temperatura scende sotto 0 C° e se il ciclamino non è selvatico, va riparato sotto una mensola o una stanza fresca. Questa piccola pianta ama il freddo ed odia il caldo, ecco perché in primavera ed estate dovete tenerla al riparo dal sole cocente. Se le foglie appassiscono, strappatele via, tutte quelle marce potrebbero far morire la vostra pianta.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —-> La scorza di limone non va gettata, si può utilizzare in tanti modi

Controllate che la terra sia sempre umida, ma allo stesso tempo evitate la classica pozzanghera di acqua, farà marcire la pianta dalle radici e poi sarà irrecuperabile. Inoltre evitate di annaffiare la pianta con un getto continuo di acqua, preferite un sistema di irrigazione a gocce o con un vaporizzatore. Il concime è una componente essenziale, la qualità deve essere medio/buona, così la pianta potrà vivere in un ambiente sano. Infine controllate eventuali parassiti e rivolgetevi ad un esperto (consorzio, giardiniere o fioraio) che vi saprà indicare un prodotto specifico per la vostra pianta. Ultima cosa ma non meno importante, parlate con la vostra piantina. Le piante vi ascoltano, più le coccolate meglio sarà per voi.