Innesto di limone, la tecnica che ti darà una grande soddisfazione. Provare per credere

Tra le tecniche della coltivazione, l’innesto di limone è quella tra le più soddisfacente. Ecco quali sono le tipologie di innesto ed i tempi.

Pianta di limoni
Pianta di limoni (fonte ideegreen.it – Pinterest)

Ormai si trovano e coltivano dappertutto ed anche sui terrazzi delle abitazioni è possibile veder spuntare agrumi appena sbocciati. Per coltivare al meglio le proprie piante, è utile conoscere e seguire la tecnica dell’innesto di limone. Di seguito le tre tipologie possibili ed i tempi tecnici in cui procedere per ottenere risultati soddisfacenti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Scoperto il codice genetico del limone di Siracusa: importanza mondiale

Per usufruire della tecnica suddetta, è però fondamentale anticipare un primo step. Cosa è un innesto? La tecnica vede l’aggiunta di una pianta ad una pianta già esistente, detta pianta madre o porta innesto. Il motivo per cui questa tecnica ha preso piede è dettato dalla maggiore facilità con cui, grazie all’innesto, le piante riescono a produrre i loro frutti rispetto ad una pianta cresciuta da semina. Molto di moda sono le piante nane e, anche per questo tipo di coltivazioni più piccoli, la tecnica è davvero utile.

Innesto di limone, tipi e tempi della tecnica

Tecnica di innesto a spacco
Tecnica di innesto a spacco (fonte ideegreen.it – Pinterest)

Dopo aver chiarito di cosa stiamo parlando, andiamo ad elencare le tre tipologie di innesto di limone più usate e attuabili a seconda della propria conoscenza nel settore.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> La scorza di limone non va gettata, si può utilizzare in tanti modi

  • Innesto limone a gemma. Si tratta della tecnica più semplice, applicabile alle piante legnose o semi legnose. La corteccia deve potersi staccare con facilità dal tronco, così da inserire la gemma di limone. Fondamentale è l’altezza dell’innesto da inserire quindi tra i 50 e 100 cm.
  • Innesto limone a spacco. Tecnica più complicata rispetto alla prima, richiede maggiore dimestichezza. Come si evince dalla parola stessa, bisogna formare una sorta di linguetta quindi spacco, attraverso cui incastrare la pianta madre da impiantare. Lo spacco non deve superare i 10 mm.
  • Innesto limone a corona. Tecnica usata per gli agrumi in generale, anche in questo caso la pianta viene inserita tra la corteccia ed il legno con uno spacco che deve superare i 10 mm.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> L’idrocoltura: un metodo innovativo e comodo per coltivare le nostre piante

A seconda della tecnica scelta, i tempi per eseguirla possono variare ed anche il coltivatore può capire se il periodo è fertile in base alla temperatura registrata. In linea di massima, affinché l’innesto riesca ad attecchirsi ed a dare i suoi frutti, bisogna impiantarlo tra la fine dell’inverno e l’inizio della primavera. Il clima mite favorirà il tutto.