Il gatto morde e graffia, cosa vuole comunicarci?

Gli amanti dei gatti e tutti coloro che ne hanno uno (o anche più), spesso si ritrovano a dover gestire l’umore del proprio felino e a fare i conti con graffi e morsi. Ecco le possibili cause

Gatto (Pixabay)
Gatto (Pixabay)

Il gatto è un animale che ama sperimentare, infatti, la curiosità è uno dei suoi tratti distintivi più sviluppati. E’ dotato di ottima memoria, come affermato anche da recenti studi, i quali hanno stabilito le ottime capacità mnemoniche e di maggior durata rispetto a quella dei cani. Dal carattere misterioso e criptico, i gatti sono animali difficili da decifrare nella loro interezza, ma ciò non toglie che l’uomo ne è comunque affascinato e cerca di avvicinarsi alla comprensione di questi felini dall’aspetto regale. Dispensano amore e compagnia agli uomini, ma sono scostanti e spesso cercano di comunicare attraverso atteggiamenti quali graffi e morsi.

Ti potrebbe interessare anche -> “Sale per sciogliere la neve, gli effetti sull’ambiente sono devastanti”

Il tuo gatto morde? Scopriamo insieme le possibili cause

Gatto (Pixabay)
Gatto (Pixabay)

I nostri felini comunicano con noi con ogni loro gesto, ed anche quando sono aggressivi graffiandoci o mordendo noi e i nostri ospiti in realtà cercano di dirci qualcosa. Cercare di sfuggire alla loro morsa è semplice, capirne i motivi risulta essere più difficile.

La giovane età del nostro gatto potrebbe essere uno dei primi motivi di questi comportamenti, essendo cuccioli vogliono esplorare e scoprire tutto ciò che li circonda. Dietro questo atteggiamento c’è la volontà di voler giocare e la non comprensione (ancora) dell’atto sbagliato e pericoloso. Infatti i morsi dei gatti possono comunque portare lievi infezioni.

Il gatto si distingue per la sua personalità unica, e tali atteggiamenti aggressivi possono essere dovuti alla natura di mammiferi carnivori, appartenendo alla famiglia dei felidi. Ciò non significa che dobbiamo convivere con delle piccole tigri, ma che sicuramente le origini naturali influiscono solo comportamento.

Ti potrebbe interessare anche -> “Dallo zucchero al miele”, il nuovo progetto per proteggere gli animali impollinatori

Un cambiamento domestico potrebbe essere un motivo di reazione, tanto da indurli ad essere aggressivi. Un trasferimento o anche dei lavori in casa o l’arrivo di un altro animale, sono fattori di stress, e talvolta, di gelosia. Lo stress nei gatti è importante non sottovalutarlo, non solo per i morsi, se si strappano il pelo, grattano senza sosta, possono indicare problemi di salute più seri.

I loro atteggiamenti aggressivi possono essere sintomo di mancati bisogni soddisfatti, come la lettiera sporca o la ciotola vuota. E’ bene anche non provocarli, potrebbero reagire in qualsiasi momento. Gatti particolarmente aggressivi nel proprio ambiente corrispondono spesso a padroni che nella quotidianità tendono ad urlare o a muoversi bruscamente.

Come prevenire atteggiamenti aggressivi

Scoprire la causa scatenante è il primo passo per poter risolvere la situazione e comprendere le necessità del nostro felino. Analizzare i propri comportamenti è importante per capire cosa può aver infastidito il nostro gatto. E’ necessario inoltre aiutarlo a distinguere atteggiamenti corretti e sbagliati; premiarlo quando si comporta bene, prendere dei provvedimenti quando assume atteggiamenti aggressivi. Privarlo di coccole e giochi potrebbe essere una soluzione. Se il nostro gatto dovesse continuare a relazionarsi in modo aggressivo è comunque giusto rivolgersi al veterinario, per indagare al meglio sulle sue esigenze.

Ti potrebbe interessare anche -> “Dietro ogni vip c’è un animale domestico famoso. Le amicizie eccentriche”