Kokedama, la tecnica giapponese per coltivare le piante senza vaso

Stanchi di comprare vasi dove inserire le piante? Una tecnica giapponese permette di coltivare le piante senza vaso. Vi risolverà i problemi!

kokedama
Kokedama: come realizzarne uno – Foto da Pinterest

Se le piante sono la vostra passione probabilmente la vostra casa sarà cosparsa di vasi di ogni colore, occupando così non poco spazio. Se si disponesse di un balcone si potrebbe pensare di posizionare qualche pianta fuori, ma ciò non si può fare con le piante d’interno. Per risolvere questo problema dobbiamo andare fino in Giappone, mentalmente parlando. Si, perché è proprio in Giappone che hanno sviluppato una tecnica strabiliante per la coltivazione.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —-> Agrifoglio senza bacche rosse? Scopri le cause di questa anomalia

Si chiama kokedama ed è una tecnica che permette di coltivare le piante senza utilizzare i vasi. La parola significa letteralmente “palla di muschio” e per realizzare un kokedama si utilizza una palla con del muschio formata da della terra argillosa, il ketotsuchi ed un componente drenante dal nome akadama. Ne fuoriuscirà quindi una palla che non avrà bisogno di un vaso, ma che può essere posizionato direttamente su un mobile oppure appeso utilizzando degli appositi fili, solitamente realizzati in nylon.

Come si realizza un kokedama: alcuni consigli utili

kokedama
Kokedama: l’arte giapponese di coltivare senza vaso

Realizzare un kokedama non è un’operazione esageratamente complessa. Servono 5 parti di ketotsuchi ed una parte di akadama. Si impastano queste due componenti fino ad ottenere un composto dalla forma di una arancia. Dopodichè si infilano la pianta e le sue radici all’interno e si riveste il tutto con del muschio. Infine, si avvolge il tutto con del filo di cotone. Una volta terminato questo passaggio si potrà immergere il kokedama nell’acqua per circa due ore, così che possa compattarsi per bene. Quando sarà asciugato, si potrà tranquillamente posizionare dove meglio si crede.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —-> Decorazioni natalizie: le 3 piante da utilizzare per realizzarle

Non trattandosi di una pianta con terreno convenzionale, è scontato chiedersi come poterla innaffiare. In realtà è molto semplice. Andrà presa una bacinella e riempita di acqua a temperatura ambiente. Si dovrà quindi immergere il kokedama nella bacinella e lasciarlo in ammollo per circa 5 minuti. Toglierlo dalla bacinella e lasciarlo asciugare. Una volta asciugato potrà essere rimesso a posto.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —-> Foglie ingiallite e bruciate? Le possibili cause e tutti i rimedi per le tue piante

Oltre ad innaffiare la pianta, sci si deve poi ricordare di nebulizzare dell’acqua, facendo attenzione che questa vada sul muschio così da renderlo umido ed in modo che non muoia.