Curiosità dal regno animale: sono le femmine a comandare sul branco

Nel regno animale, le femmine sono di gran lunga più numerose dei maschi, vivono di più e dominano sul branco, scopriamo di più.

Tra gli elefanti, la femmina più anziana è il capo-gruppo
Tra gli elefanti, la femmina più anziana è il capo-gruppo (foto da Pixabay)

Nel regno animale, le femmine sono di gran lunga più numerose dei maschi, vivono di più e dominano sul branco, scopriamo di più. È la legge della natura, il tutto ai fini della sopravvivenza della specie. Per fini riproduttivi, le femmine sono molte di più dei maschi e guidano il gruppo. Esaminiamo il mondo degli animali e vediamo qualche esempio. Il primo che ci viene in mente: gli elefanti.

Potrebbe interessarti anche → Il tuo gatto urina sangue? Ti spieghiamo come aiutarlo in modo naturale

Gli elefanti si muovono in branco da una parte all’altra del territorio, e a guidare il gruppo è sempre la femmina più anziana. Solitamente, l’elefante-guida è il più grosso di tutti. Stessa cosa avviene in mare, con il gruppo delle orche, bellissimi mammiferi marini. Anche in questo caso, a guidare il gruppo è la femmina più vecchia. Tra l’altro, questi animali hanno un concetto solido di famiglia.

Le femmine del regno animale: cacciano e guidano il gruppo

Leone e leonessa, maestosi
Leone e leonessa, maestosi (foto da Pixabay)

Non solo le orche si prendono cura di tutti i cuccioli, anche di quelli di altre femmine, ma i figli vivono tutta la vita insieme alle mamme. Come le orche femmina, addette alla caccia, anche tra leoni avviene lo stesso. Anche qui sono le leonesse ad andare a caccia di cibo e ad allevare i cuccioli. Tra l’altro, sono loro a decidere l’elezione del capo-branco maschio, il Re della giungla.

Decidono se mantenerlo come capo famiglia o se estrometterlo dal gruppo, sostituendolo con un altro maschio. Tra i lemuri, femmine e maschi sono delle stesse dimensioni, ma è solo apparenza. Le femmine, infatti, sono più forti, dettano comandi e hanno precedenza sul cibo.

I simpatici lemuri
I simpatici lemuri (foto da Pixabay)

Prima mangiano le femmine, poi i maschi. Stesso discorso per i suricati, simpatici animaletti dell’Africa meridionale. Gli struzzi, invece, hanno un comportamento particolare. In questa specie, le femmine sentono un continuo bisogno di accoppiarsi, per questo sono sempre in cerca di partner, anche dopo che hanno deposito le uova. Lasciano il proprio rifugio e il proprio partner, a cui è affidato il compito di badare alle uova e ai pulcini, e vanno in cerca di nuove avventure sessuali.

Potrebbe interessarti anche → Fido e Felix quando sono in pericolo di vita? Le piante da non avere mai in casa

Particolarità del regno animale: femmine e femmine

La lucertola de deserto è solo femmina ,capace di auto-fecondarsi
La lucertola de deserto è solo femmina ,capace di auto-fecondarsi (foto da Pixabay)

Originaria del centro America, la lucertola del deserto a una particolarità tutta sua. Questo rettile che vive tra le dune sabbiose e le rocce, non presenta organi genitali maschili. Nonostante ciò, queste lucertole, tutte femmine, possono auto-riprodursi, senza aver bisogno di fecondazione. Anche tra le iene, le femmine sono più grosse e forti dei maschi.

Addette alla caccia e al comando, le iene femmina procurano cibo, allevano cuccioli e presentano una particolarità: possiedono una specie di pene. Si tratta di un clitoride allungato, usato per urinare e per accoppiarsi, in grado di avere un’erezione come nei maschi.

Iena ridens, le femmine sono più aggressive
Iena ridens, le femmine sono più aggressive (foto da Pixabay)

Nel mondo degli aracnidi è famosa l’abitudine de ragno vedova nera, chiamo così non solo per il colore nero ma perché le femmine si cibano del maschio, subito dopo l’accoppiamento. Le femmine di vedova nera sono molto più grandi rispetto ai maschi e presentano una macchia rossa sul ventre.

Tra le profondità degli abissi, invece, troviamo i ceratiidae, pesci degli abissi, non proprio di gradevole aspetto. Le femmine di questa razza sono più grandi dei maschi e alimentano i partner attraverso il loro corpo. I maschi sono privi di apparato digerente e riescono a nutrirsi solo attaccandosi alla femmina.

Potrebbe interessarti anche → Con i rotoli della carta igienica potrai salvare centinaia di uccellini, scopri come

Le femmine nel mondo degli insetti: alcune curiose particolarità

Le api proteggono l'ape regina
Le api proteggono l’ape regina (foto da Pixabay)

Le api strutturano la loro società con uno stampo matriarcale. Lo sappiamo tutti, l’ape regina comanda sul gruppo e viene protetta. In ogni gruppo, le femmine sono in maggioranza, mentre i maschi sono molti di meno, sfruttati per fini riproduttivi. Tra l’altro, le api di sesso maschile muoiono prima. In una società matriarcale vivono anche le formiche, con la formica regina che domina su migliaia di formiche lavoratrici.

Anche in questo caso, le femmine sono in maggioranza e svolgono quasi tutte le funzioni imposte dalla società. Le formiche hanno organizzato una società davvero complessa e strutturata. Sempre parlando di piccoli insettini, citiamo gli psocotteri, detti anche corrodentia. Sono animaletti dal corpo trasparente attraverso il quale s intravede un esoscheletro.

Potrebbe interessarti anche → Quali sono gli animali più intelligenti del pianeta? Scimmie e poi…

Questi si dividono in diverse specie, tutta dotata d una particolarità: la presenza di una specie di pene. Le femmine sono capaci di sviluppare un organo simile al pene, il quale, durante l’accoppiamento col maschio, trattiene lo sperma e si auto-feconda. Il regno animale è dominato dal sesso femminile, la quasi totalità delle specie presenta una maggioranza di femmine, perciò potremmo fare mille altri esempi di società matriarcali tra gli animali e di femmine alla guida di branchi e gruppi.