La camomilla, l’ingrediente ideale per realizzare un detergente intimo fai da te

La camomilla è nota per le sue proprietà lenitive e calmanti. Possiamo utilizzarla per creare un detergente intimo sostenibile e super indicato per le zone intime. Vediamo come fare

Camomilla (Pixabay)
Camomilla (Pixabay)

La camomilla comune è una pianta erbacea annuale, appartenente alla famiglia delle Asteraceae e al genere Matricaria. La specie è diffusa in Europa e in Asia, ma è naturalizzata anche in altri continenti. Cresce spontaneamente nei prati e in aperta campagna, spesso diventando invadente e assumendo le caratteristiche di una pianta infestante delle culture agrarie. La camomilla ha proprietà benefiche, produce un effetto distensivo e antispasmodico, è indicata per stati di ansia, stanchezza, nervosismo, difficoltà digestive, dolori mestruali, crampi intestinali. L’infuso di camomilla è in grado di aumentare i livelli di glicina, un amminoacido che può calmare crampi e spasmi muscolari, presenti nelle urine. E’, inoltre, senz’ombra di dubbi un valido alleato per un buon sonno notturno.

Ti potrebbe interessare anche -> “Wc pulito e disinfettato senza detersivi, il trucco fai da te infallibile – VIDEO”

La ricetta per un detergente intimo alla camomilla

Detergente (Pixabay)
Detergente (Pixabay)

La ricetta per questo detergente intimo alla camomilla è indicato anche per le pelli più sensibili, grazie ai benefici della camomilla, ha anche proprietà rinfrescanti e aiuta a contrastare la formazione di batteri nocivi. La preparazione di questo detergente, con PH tra 4 e 5, non richiede molto tempo ed è di facile esecuzione. Gli ingredienti per 100gr di detergente sono:

  • 20 gr Lauryl Glucoside
  • 10 gr Decyl Glucoside o Betaina
  • 49,4 gr acqua distillata o idrolato di camomilla
  • 5 gr gel aloe vera
  • 15 gr estratto di malva
  • 3 gocce o.e. tea tree
  • 4 gocce o.e. lavanda
  • 0,6 gr cosgard, circa 20 gocce
  • 12-15 gocce di acido lattico per regolare il PH

Ti potrebbe interessare anche -> “Tenere un comportamento corretto per non inquinare: le azioni che tutti noi dovremmo adottare”

Il Lauryl Glucoside è il primo ingrediente che andremo a trattare, essendo quasi solido dovremo riscaldarlo 10 secondi nel microonde o a bagnomaria. Andremo poi a inserirlo in un contenitore, andando ad aggiungere il Decyl Glucoside, che detergerà e formerà la schiuma, per questo va mescolato lentamente per non formarne troppa. Successivamente andremo ad aggiungere l’idrolato di camomilla, il gel d’aloe vera e l’estratto di malva, importantissimo per l’azione lenitiva.

E’ bene continuare a mescolare sempre lentamente. Possiamo poi procedere con l’aggiungere gli oli essenziali, quello di lavanda e il tea tree, continuando sempre a miscelare. L’acido lattico è ciò che serve per regolare il PH, è consigliabile infatti controllare prima il suo livello con un apposito talloncino, così potremo poi regolarci su quanto acido lattico il nostro composto ha bisogno per raggiungere un PH compreso tra 4 e 5.

Ti potrebbe interessare anche -> “Ottenere dei germogli dagli scarti alimentari: 3 idee da non perdere”

Con l’aggiunta dell’acido lattico il composto sarà molto più denso. L’ultimo ingrediente da aggiungere è il Cosgard, un conservante che ci permetterà di utilizzare il nostro detergente per 3 – 4 mesi. Una volta aver terminato la miscelazione, dobbiamo riporre il nostro detergente all’interno di un contenitore apposito. Avremo così realizzato il nostro detergente intimo alla camomilla e soprattutto sostenibile!