Vivere sostenibile, i consigli indispensabili da seguire per un mondo migliore

Vivere sostenibile, è possibile seguendo alcuni di questi consigli e utilizzando prodotti naturali e riciclabili, sostituendo quelli di maggior impatto negativo sulla salute della natura.

Sapone solido (Pixabay)
Sapone solido (Pixabay)

Vivere sostenibile significa abbracciare delle scelte che prevedono il consumo di prodotti naturali, andando ad eliminare dalla propria quotidianità quelli minacciosi per il nostro ecosistema. L’inquinamento è un argomento ormai all’ordine del giorno, ed è importante con semplici gesti, da parte nostra, contribuire a migliorare la qualità della vita, nostra e della natura in sé. I consigli da seguire riguardano un insieme di oggetti riutilizzabili, naturali, in modo da poter sostituire quelli usa e getta, i quali producono un quantitativo di rifiuti rischioso per il benessere e la longevità della nostra Terra. Scopriamo insieme quali sono!

Ti potrebbe interessare anche -> “Energia ricavata dalle onde del mare, il progetto green che rivoluziona il mondo”

Gli oggetti utili per vivere in modo sostenibile, quali sono?

Bottiglie in acciaio (Pixabay)
Bottiglie in acciaio (Pixabay)

Il primo passo, quindi, per vivere in modo sostenibile è buttare tutto ciò che può inquinare e rifornire la nostra casa con oggetti il cui utilizzo non danneggia l’ambiente naturale intorno a noi. Uno dei primi consigli riguarda le Bottiglie riutilizzabili, che siano in acciaio o in latta. Sono molto leggere, comode da trasportare sia all’interno dello zaino che attaccate attraverso l’apposito gancio presente sul tappo. Possiamo riempirle con qualsiasi bevanda e, con il loro utilizzo, elimineremo un quantitativo di plastica rilevante.

Ti potrebbe interessare anche -> “Le proprietà isolanti del sughero: la nuova frontiera per costruire”

Per coloro che sono soliti consumare molto caffè durante il giorno, possono acquistare e portare in giro delle Tazze Riutilizzabili, che manterranno il caffè sempre caldo evitando sprechi. All’estero alcuni bar applicano uno sconto a coloro che arrivano con le loro tazze riutilizzabili. Vegano ed eco- friendly è il Deodorante Ecologico, contenuto in tubetti realizzati con zucchero di canna. E’ utile non solo per evitare il consumo di quelli classici caratterizzati da contenitori in plastica, ma è indicato anche per le pelli più sensibili.

Il dentifricio come lo acquistiamo noi quotidianamente è composto in tutte le sue parti, tubo e tappo, da plastica. Potremmo sostituirlo tranquillamente con il Dentifricio Eco, il quale è solido, simile ad una saponetta e basterà strofinare lo spazzolino sul composto e poi procedere con il lavaggio dei denti. Il suo involucro, inoltre, è costituito da carta riciclata. Invece, per tutte le donne che sono alle prese di sera con la skin-care, possono sostituire i dischetti struccanti o con dei panni in microfibra, indicati per questo scopo, o con dischetti lavabili, quindi riutilizzabili.

Ti potrebbe interessare anche -> “Coltivare nel deserto? Ora è possibile grazie ad una straordinaria scoperta”

E in cucina? Anche qui puoi sostituire alcuni oggetti, scopriamoli insieme

Per tutti gli alimenti secchi, frutta secca, biscotti, legumi, spezie, se acquistati sfusi, evitando di comprarli confezionati, possiamo riporli in dei semplici Barattoli in Vetro. Ce ne sono di diversi tipologie, la più consigliata è quella con la chiusura ermetica. Inoltre, per recarsi a fare la spesa, invece di utilizzare le buste in plastica, possiamo utilizzare le Borse Eco in cotone o anche in platica riutilizzabile, entrambe molto resistenti.

Un suggerimento, sempre in direzione della sostenibilità, riguarda la confezione degli alimenti. Solitamente per conservare il cibo in frigo, utilizziamo delle pellicole in plastica o in alluminio. Oggi, però, sul mercato è possibile trovare anche delle Pellicole in c’era d’api. Sono degli incarti lavabili e riutilizzabili, è importante però lavarli in acqua fredda, poiché per tenerli fermi ermeticamente basterà il semplice calore delle mani che andrà a modellarli sulla ciotola o sul piatto. Quindi, sono sconsigliati i lavaggi caldi.

Ti potrebbe interessare anche -> “Piante da appartamento. Quali sono le migliori da coltivare?”

Per asciugare le macchie d’acqua o pulire un ripiano, ricorriamo ai rotoloni di carta usa e getta. Ciò che non tutti sanno è che nei negozi è possibile acquistare la Carta da cucina riutilizzabile, quindi, ogni strappo è lavabile e alcuni rotoli dispongono di 1700 fogli, quanto ridurremmo la produzione dei rifiuti? Di molto.

In cucina possiamo, in ultimo, sostituire le classiche spugnette per il lavaggio dei piatti con quelle realizzate con diversi materiali naturali, come il bambù o la luffa, un ortaggio che viene essiccato. Anche per eliminare quelle in acciaio, utili per le macchie e le incrostazioni più difficili, esistono sia delle spugnette che degli scovolini realizzati sempre in bambù.