Le proprietà isolanti del sughero: la nuova frontiera per costruire

Lo conosciamo come tappo per le bottiglie ma in pochi ne conoscono le proprietà isolanti. Il sughero è un materiale da costruzione green.

Tappi di bottiglie
Tappi di bottiglie (fonte Pixabay)

Una nuova frontiera si apre nel mondo delle costruzioni grazie ad un materiale che tutti conosciamo, anche se in una versione diversa. Il sughero è infatti un materiale isolante che potrebbe prendere sempre più piede nel mondo delle infrastrutture. Ma come viene modellato e come è stato scoperto? In casa abbiamo innumerevoli tappi e proprio da quelli si parte per il processo di isolamento.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Legnaia, istruzione per la costruzione fai da te. Con pochi passaggi sarà bellissima

Nato come materiale da costruzione quasi per caso, le lastre isolanti sono state scoperte da John Smith a New York nella sua fabbrica di giubbotti da salvataggio. Un pezzo di materiale venne lasciato accidentalmente su un bruciatore a caldo e l’indomani, lo stesso Smith, trovò una massa solida di color cioccolato. Da quel momento iniziò il brevetto delle lastre, oggi utilizzate per la costruzione di case assolutamente green ed impatto zero.

Le proprietà isolanti del sughero: dai tappi alle lastre

Foglio isolante
Foglio isolante (fonte Pixabay)

Il processo di trasformazione ed isolamento del sughero è particolarmente interessante. Se vi state chiedendo come vengano riutilizzati i tappi, di seguito troverete tutti i dettagli in merito. Il meccanismo è alquanto sofisticato e richiede tempi piuttosto lunghi ma la sua efficacia è davvero notevole.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Coltivare le piante in cucina senza terreno. Non ci credi? Ti diciamo come – VIDEO

Esistono due collegamenti tra i tappi e le lastre. Alcune fabbriche utilizzano lo scarto dei tappi, mentre altre invece riciclano quelli usati. Nel primo caso, i tappi vengono prodotti con la parte inferiore dell’albero. Gli scarti vengono poi lavorati per l’isolamento così come i rami dell’albero che non sono adatti alla creazione di tappi. Ogni nove anni vengono raccolti gli alberi ed il processo è assolutamente regolamentato. Altre fabbriche invece, lavorano riacquistando i tappi di vino. Dopo averli raccolti in un container apposito, i tappi vengono ripuliti dalla polvere.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Stagno fai da te per il giardino: idea creativa ed economica – VIDEO

Lavorati poi ad alta pressione, vengono fusi in blocchi per poi essere squadrati e tagliati in fogli. Le costruzioni più moderne stanno già provando la nuova frontiera: i fogli risultano porosi e traspiranti, garantendo l’isolamento termico e la respirazione dell’involucro edilizio, evitando formazione di condensa in casa.