Acqua di cottura. Scopri i metodi per riutilizzarla in casa

L’acqua di cottura spesso viene gettata quando si scola la pasta, ma sapete che è molto utile sia in casa che nel giardinaggio? Scopriamo come poterla riutilizzare.

acqua di cottura
acqua di cottura: scopri come utilizzarla – Foto da Pinterest

Da buoni italiani, la pasta sulle nostre tavole non può mai mancare. Che siano spaghetti, tagliatelle o maccheroni, un buon piatto di pasta riempie lo stomaco come pochi altri alimenti al mondo.

Per cuocere la pasta esiste un solo ed unico metodo, nonostante altri paesi nel mondo cercano invano di sostenere il contrario.Il metodo è uno solo: far bollire l’acqua ed una volta raggiunta l’ebollizione calare la giusta quantità di sale e pasta.

Terminato il tempo di cottura, la pasta va scolata dalla sua acqua di cottura e condita come meglio si crede.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —-> Test psicologico, la prima cosa che vedi definisce il tuo rapporto con lo stress

Quello che però non sappiamo è che l’acqua di cottura della pasta può rivelarsi davvero utile e versatile. Una volta cotta la pasta, quest’acqua diventa un vero e proprio concentrato di amido e sali minerali, motivo per cui può essere utilizzata per diverse faccende casalinghe e non solo.

3 idee per riutilizzare l’acqua di cottura della pasta

piano cottura
Acqua di cottura che fuoriesce dalla pentola – Foto da Pixabay

Dato l’amido ed i sali minerali contenuti nell’acqua di cottura, questa può essere utilizzati in svariati modi.

Ad esempio, i sali minerali potrebbero essere molto utili per piante e fiori. Potrete quindi utilizzare l’acqua di cottura per innaffiare le piante da interno o i fiori. L’amido ed i sali minerali contenuti al suo interno favoriranno la fertilità delle piante. Aspettate che l’acqua si raffreddi prima di utilizzarla per innaffiare le piante.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —-> Dispensa in ordine, il trucco furbo per sistemare i barattoli dei legumi

Può essere utilizzata anche a livello cosmetico, divenendo un vero toccasana per i nostri capelli. Chi soffre di capelli fini e sottili che tendono a spezzarsi facilmente può utilizzare l’acqua di cottura per rinforzarli. Basta passarla sul cuoio capelluto e tenerla in posa poco prima di fare lo shampoo, permettendo così all’amido di penetrare nel cuoio capelluto e nel capello, rinforzandolo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —-> Casa brillante con i fondi del caffè. Tutto quello che devi fare è …

Risulta ottima anche per lavare i piatti. Inserite il tappo nel tubo del lavandino e all’interno del lavello versate tutta l’acqua di cottura che avete conservato. Mettete in ammollo tutte le stoviglie e lasciatele li per almeno 10 – 15 minuti. Dopodiché iniziate a lavarli con una spugnetta, così da eliminare per bene le incrostazioni di olio e grasso. Quindi risciacquate sotto l’acqua corrente tutte le stoviglie.