Detersivi e marketing, non tutto è come sembra! Impariamo a leggere l’etichetta

Tantissimi i detersivi presenti in commercio, ciascuno con varie caratteristiche ma siamo sicuri che quello che compriamo soddisfi le nostre esigenze? Ecco alcuni chiarimenti per non sbagliare.

Detersivi come sceglierli
Flacone di detersivo (Pixabay)

Al giorno d’oggi siamo ormai invasi da detersivi di varie tipologie; fragranze accattivanti, dimensioni vari di flacone e ognuno pronto a svolgere una funzione diversa. In realtà sovente per pulire casa si richiedono alcuni prodotti essenziali ma il mercato dei detersivi è molto produttivo e quindi perché fermarsi? Ovviamente l’economia ne risentirebbe.

Ma vi è un altro problema più grave, ovvero quando non sappiamo cosa ci sia dentro i nostri amati detersivi; una piaga sociale che si alimenta dall’ambiguità e dall’errore con cui spesso il marketing usa le etichette. Non tutto è come sembra, è il momento quindi di svelare cosa c’è dietro ogni terminologia usata, spesso impropriamente.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE -> Il Tai Chi: un’antica disciplina cinese dagli innumerevoli benefici fisici e mentali

Detersivi ed etichette, occhio a non sbagliare!

Detersivi come sceglierli
Spray (Pixabay)

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE -> Wc pulito e disinfettato senza detersivi, il trucco fai da te infallibile – VIDEO

Scopriamo insieme quali sono le etichette dei detersivi più diffuse e che potrebbero indurre in errore:

  • I detersivi biologici sono quelli che hanno ricevuto una certificazione presso terzi, dietro pagamento, solitamente sono da ritenersi affidabili. Per essere biologico un detersivo deve possedere il 95% di componente bio. Se invece si trova scritto biologico al 100% vuol dire che non presenti al suo interno alcun ingrediente artificiale;
  • Stessa affidabilità non si può offrire all’etichetta naturale in quanto non vi è un ente terzo che controlla la veridicità di questa informazione. Pertanto è utile, prima di acquistare, controllare gli ingredienti indicati dietro il flacone;
  • Lo stesso vale quando al detersivo viene apposta l’etichetta di origine naturale o di origine vegetale. Definizioni che dicono tutto e niente, non si sa effettivamente cosa ci sia all’interno della soluzione, quindi controllare gli ingredienti è sempre una cosa utile da compiere prima dell’acquisto.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE -> Non hai il pollice verde? Fatti aiutare delle app: le migliori per la cura delle piante

  • Verde: i detersivi definiti verdi sono quelli che non hanno un impatto ambientale e pertanto la produzione è stata compiuta in maniera protetta. Ma attenzione, a volte proprio questo attributo viene usato per attuare un’ottima strategia di marketing, quindi bisogna prestare sempre attenzione durante la spesa.