Conosci il cactus di Natale? Una pianta magica che dovresti avere in casa, quello che fa ti sorprenderà

Il cactus di natale è una pianta poco regalata nelle festività nonostante la sua bellezza e un singolare particolarità

Giardinaggio urbano - pixabay
Giardinaggio urbano – pixabay

La Schlumbergera è un genere di piante succulente della famiglia delle cactacee originaria dell’America Tropicale. Ne esistono diverse varietà ma la più nota è certamente la Schlumbergera buckleyi detta anche Natalina o Cactus di Natale.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE ->Sostenibilità in cucina: idee regalo per Natale

Sporadicamente viene menzionata quando si parla di fiori d regalare per le festività natalizie, nonostante sia un esemplare di rara bellezza. La particolarità di questa pianta è che fiorisce colorandosi di rosso proprio nel periodo natalizio. Il cactus di Natale, o Natalina come preferite, è una pianta che viene dalle montagne costiere del sud-est del Brasile. Ma conosciamola meglio.

Schlumbergera buckleyi. Una pianta grassa dai lunghi fiori rossi

Fioritura Cactus di Natale (pixabay)
Fioritura Cactus di Natale (pixabay)

IL Cactus di Natale è una pianta grassa con fiori tubolari di color rosso, ma anche con variazioni lilla, o rosa, che possono raggiungere dimensioni incredibili. I suoi steli carnosi sono caratterizzati da segmenti in forma appiattita su cui si sviluppano foglie veramente particolari. Man mano che si sviluppano i suoi rami assumono una forma pendente, l’ideale per mensole o vasi sospesi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE ->Sostenibilità in cucina: idee regalo per Natale

Questo tipo di pianta però è molto sensibile alla luce diretta, perché il sole potrebbe bruciare le sue foglie. Deve raggiungere il perfetto equilibrio fra luce diretta e indiretta, perciò valutare il posizionamento è molto importante. In questo modo la pianta assorbirà luce semi-filtrata; l’ideale è rivolgerla verso est, ma anche a sud va bene.

Se per la coltivazione il trattamento è abbastanza semplice, la medesima cosa non vale per la fioritura. Con qualche piccolo dettaglio potremo però facilitare le cose. Il buio è fondamentale per la fioritura delle piante. Assicurando circa quattordici ore di buio a partire da settembre, coperta con un telo ma per chi può è preferibile spostarla in una stanza buia. Una volta che il fiore inizia a sbocciare puoi pure interrompere questa routine.

La temperatura deve essere sempre mite, il cactus in fioritura deve stare in un ambiente tra i 15 e i 18°C affinché possa svilupparsi al meglio. I suoi calici possono raggiungere sei cm di lunghezza. Altro aspetto da non sottovalutare è la potatura, utilissima per stimolarla a fiorire. È un procedimento molto semplice in cui bisogna solo rimuovere le foglie vecchie. La concimazione e l’irrigazione seguono le stesse linee di una pianta grassa normale, tuttavia consigliamo per una maggiore qualità un concime liquido universale.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Natale sostenibile, si può: le idee più green e trendy

Infine per quanto riguarda malattie e batteri, questi cactus non sono molto inclini agli insetti, infatti capita raramente che vengano colpite da un’infestazione. Il parassita più comune è la cocciniglia, di solito si deposita sulle foglie o sugli steli.