Babbo Natale, esiste? La scienza ci viene in soccorso, non ci sono più dubbi

L’esistenza di Babbo Natale non solo è possibile ma è anche spiegata dalla fisica quantistica e dalle leggi di Schrodinger.

Natale
Natale (da Pixabay)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Avete capito bene! Babbo Natale, attraverso delle congetture fisiche particolare può far parte veramente di questo mondo e non è solo una favola da bambini. Lo dice Nando Catalano, docente di fisica e che attribuisce all’evento la metaforaparadosso del “gatto di Schrodinger”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Morte e teorie, quello che potrebbe succedere quando la vita finisce

Questo è un esperimento concettuale creato nel 1935, il cui enunciato è semplice: un osservatore non può dichiarare la vita o la morte di un gatto all’interno di una scatola chiusa, a meno che non guardi all’interno.

Babbo Natale esiste? Ve lo sveliamo noi!

Natale
Natale (da Pixabay)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In fisica quantistica, quindi, esistono degli enti che possiedono il 50% di essere vivi e il 50% d’essere morti, essendo quindi contemporaneamente sulla nostra terra e nell’aldilà. In termini macro, la capacità del gatto di essere vivo e morto allo stesso tempo è detta intermediazione quantistica o paradosso dell’osservatore.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Giardino fiorito anche in inverno. I fiori da piantare che fanno al caso tuo

Questo concetto c’entra anche con la questione del Signore del Natale e si relaziona perfettamente con le recenti accuse del Vescovo di Noto (Siracusa), il quale durante una messa, avrebbe smentito l’esistenza di Babbo Natale davanti al suo pubblico, nel quale vi erano anche numerosi bambini.

Ma l’importanza della creatività e della fantasia magica è importantissima, tant’è che la notizia è giunta sino a New York, dove il Times ha attaccato pubblicamente il Vescovo.

I bambini devono sognare, devono immergersi nella magia del Natale senza che qualcuno gli dica cosa o non cosa credere. Sarà poi la realtà e il futuro a dare le giuste spiegazioni ai più piccoli e a ricreare un equilibrio di credenze consolidato.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Rimuovi il calcare dal bagno senza detersivi, il trucco green è svelato

Si studia infatti che il preannunciare l’inesistenza di Babbo Natale potrebbe nuocere alla crescita psichica dei bambini, dove il vero e falso non possiedono la stessa importanza della magia e del sogno.

La verità non risiede quindi nell’oggettività dei fatti ma nell’osservatore, come per il “gatto di Schrodinger”.

Se ad osservare la “scatola del Natale” sono gli adulti, l’esistenza di Babbo Natale può essere utile, perché permette a quella creazione magica che porta gioia nei cuori dei loro figli.

Ai piccoli in fin dei conti amano la magia del Natale e piace stare al gioco, credere al Babbo Natale che il 25 dicembre scende dal camino a portare i regali e donare gioia a tutta la famiglia.