Il riscaldamento globale minaccia l’Antartide. Numeri mai visti prima

Il riscaldamento globale minaccia sempre di l’Antartide. I numeri sono da spavento.

Antartide
l’Antartide è minacciato dal riscaldamento globale – Foto da Unsplash

Il riscaldamento globale mette sempre di più a dura prova l’equilibrio del nostro pianeta, ma a soffrirne di più sono i ghiacciai dell’Antartide. I numeri elevatissimi mostrano come le elevate temperature stiano mettendo in ginocchio questa zona del pianeta, provocando un sempre più crescente innalzamento dei livelli del mare.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —-> Sale anti neve e ghiaccio, pericoloso per l’ambiente. Quello che non conosci sul suo conto

A pagarne le conseguenze non saranno solo gli animali che vivono in queste terre, ma anche noi esseri umani per via delle conseguenze a cui porterà questo innalzamento del livello del mare sempre più in costante aumento.

L’Antartide è in pericolo. I risultati della ricerca nel Mare di Ross

Antartide
Calotta glaciale in Antartide – Foto da Unsplash

Una ricerca svoltasi nel Mare di Ross ha evidenziato come le calotte glaciali del settore occidentale dell’Antartide stiano andando incontro ad un imminente riduzione dovuta all’innalzamento delle temperature.

La ricerca è stata svolta da un team di esperti dell’Imperial College of London con il supporto di alcuni istituti di ricerca italiani, tra cui l’Università di Siena e l’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —-> Riforestazione, l’idea a costo zero dell’Olanda: semplicità ed efficacia in un solo colpo

Per portare alle luce nuovi dati i ricercatori occupati nella spedizione hanno perforato la calotta glaciale, prelevando 1300 metri di carote di sedimento, consentendo così di studiare la storia della calotta polare fino a 18 milioni di anni fa.

Lo studio delle carote ha evidenziato come durante il Miocene inferiore, circa 18 milioni di anni fa, l’Antartide avesse un volume decisamente maggiore di quello odierno.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —-> Estinzione di massa, ipotesi o realtà? Il terribile annuncio di un professore del MIT

Andando avanti nello studio cronologico, lo studio ha rivelato come verso i 14 milioni di anni fa, i livelli di CO2 fossero intorno ai 500 ppm e di conseguenza come la calotta fosse quasi scomparsa, causando un innalzamento dei livelli del mare.

Questo studio permette quindi di prevedere a grandi linee ciò che potrebbe succedere al nostro pianeta. Gli eventi passati mostrano infatti come nella storia la calotta glaciale sia già scomparsa provocando l’innalzamento del mare, situazione che di questo passo potrebbe accadere nuovamente, portando ad un innalzamento del mare ingestibile dall’essere umano.