Follicolite: le cause, i sintomi e come curarla con rimedi naturali

Follicolite, un’infezione cutanea derivante da depilazioni e batteri: vediamo i sintomi, le cause e i rimedi naturali per curarla.

infiammazione batterica della cute
Infiammazione batterica della cute (foto da Pexels)

Follicolite, un’infezione cutanea derivante da depilazioni e batteri: vediamo i sintomi, le cause e i rimedi naturali per curarla. Si tratta di una infezione dei follicoli piliferi che, in casi molto gravi, può portare alla caduta dei peli e lasciare anche delle macchie antiestetiche. Spesso, viene contratta a causa di depilazioni scorrette, con lamette o silk epil, ma può avvenire anche per altre cause. I follicoli piliferi si infiammano e sulla pelle nascono punti rossi e bollicine. Sono sintomi di irritazione cutanea davvero fastidiosi, anche nei casi più lievi.

Potrebbe interessarti anche → Salmone affumicato, secondo una ricerca tedesca 9 volte su 10 è dannoso

Nei casi più gravi, invece, sulla pelle si formano infezioni e macchie. Di infezioni sulla cute ve ne sono di diverse tipologie: la più diffusa è quella da stafilococco. Ma i problemi derivano anche dalle rasature della barba, o possono essere di natura virale, o ancora derivanti da diversi batteri che si contraggono in piscina o dopo l’uso di cortisone. La follicolite è una infezione molto diffusa e che avviene a causa del batterio dello stafilococco, presente sulla nostra epidermide. In alcuni casi, questo batterio invade il bulbo pilifero e si riproduce scatenando i sintomi dell’infiammazione cutanea.

I rimedi naturali da utilizzare contro la follicolite

rimedi naturai per la follicolite, tra cui gli oli essenziali
Rimedi naturai per la follicolite, tra cui gli oli essenziali (foto da Pexels)

La rasatura e la depilazione contribuiscono a scatenare questo fenomeno, così come l’acne adolescenziale. Depilare e rasarsi correttamente e con calma è essenziale. Depilarsi con forza, o farlo sopra ferite e abrasioni, ma anche restare troppo a lungo in acqua calda, sfregare contro vestiti troppo aderenti. Sono tutte cause di infiammazione. Ma ce ne sono ancora, come l’eccessiva sudorazione, il sistema immunitario debole, l’obesità o anche tenere la barba lunga che crea prurito. Le zone maggiormente colpite sono il mento, le gambe e le braccia, i glutei, l’interno coscia e le ascelle.

Potrebbe interessarti anche → Quale mese invernale preferisci? Un test rivela chi sei veramente

Qui, la follicolite si manifesta e si concentra, gonfiando la base del pelo, facendo arrossare la pelle e procurando prurito. Nei casi gravi si creano delle pustole e generando pus. La follicolite ha durata breve, di solito resta attiva per una decina di giorni. Bisogna prestare attenzione, perché l’infezione si può attaccare anche in altre zone, dopo aver utilizzato il rasoio occorre lavarlo bene se lo si vuole utilizzare per altre zone. Tra le azioni quotidiane che si possono fare per eliminare l’infezione sono la cura e l’igiene della pelle. Massaggi con spugne imbevute di acqua tiepida prima della depilazione o l’applicazione di creme e lozioni idratanti sono ottimi metodi di prevenzione.

Potrebbe interessarti anche → Dolori alla cervicale? I rimedi naturali per combatterli

Preferire il rasoio elettrico a quello manuale, lavarsi dopo aver sudato e pulirsi con asciugamani puliti, evitare vestiti troppo stretti. Evitare di scambiarsi lamette con altri individui. Nei casi gravi si possono utilizzare creme antibatteriche o medicinali per via orale. Ma ci sono rimedi naturali molto efficaci, come l’utilizzo di alcuni oli essenziali con cui massaggiare la cute. L’olio essenziale di timo, di lavanda o di bergamotto sono ottimi, così come il gel all’aloe vera o il tea tree oil. Si può mangiare l’aglio oppure bere un infuso di malva, che hanno entrambi proprietà antinfiammatorie. Dopo la depilazione, occorre utilizzare una crema idratante o un olio lenitivo.