Bagni pubblici, perché le porte non toccano il pavimento: la curiosità incredibile

Un curiosità che in molti si sono posti: come mai le porte dei bagni pubblici non toccano il pavimento e non chiudono ermeticamente. Ecco i motivi validi.

porte WC pubblici
Servizi igienici pubblici (Pixabay)

PER TUTTI GLI ALTRI AGGIORNAMENTI SEGUICI SU INSTAGRAM

Un curiosità che in molti si sono posti: come mai le porte dei bagni pubblici non toccano il pavimento e non chiudono ermeticamente. Ecco i motivi validi. Alcune motivazione sono ovvie, altre meno. Una delle motivazioni più scontate potrebbe essere quella nel caso in cui una persona dovesse sentirsi male. In questo modo, i soccorritori potrebbero intervenire facilmente e aprire la porta.

Se la porta è chiusa normalmente, come nel caso delle abitazio private, ci potrebbe volere troppo tempo per intervenire e per aiutare il poveraccio che si è sentito male. Inoltre, essendoci un grosso spazio tra pavimento e porta, chi è fuori può accorgersi facilmente se una persona è caduta a terra. Inoltre, un eventuale soccorritore, può passare agevolmente nello spiraglio tra pavimento e porta, sbloccando la serratura e soccorrendo il malcapitato.

Curiosità sulle porte dei bagni pubblici, perché sono fatte così

porte alte pavimento bagni pubblici
WC pubblico (Pixabay)

Lo spazio compreso tra pavimento e porta, aiuta anche i visitatori a vedere se il bagno è occupato, evitando così di irrompere in modo indiscreto nel wc. Basta vedere i piedi di qualcuno all’interno del bagno e recarsi nello spazio vuoto. Altra motivazione delle porte alte nei bagni pubblici è quella di impedire agli sgradevoli odori di restare imprigionati nella cabina. In questo modo l’ambiente è più arieggiato e la puzza svanisce prima.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE → Fichi: proprietà e benefici di un frutto famoso dall’alba dei tempi

I bagni aperti, quindi, hanno una ventilazione migliore. Ma non è solo questione di circolazione migliore dell’aria, è anche per via di una spesa minore. Le ditte costruttrici fabbricano bagni pubblici con porte più piccole anche per risparmiare sul materiale. Ma non solo, perché anche il montaggio viene facilitato, non dovendo prendere le misure corrette. Quindi si facilita tutto il processo. Le porte alte dovrebbero garantire anche maggiore sicurezza.

Essendo aperte, scoraggiano ogni tipo di comportamento scriteriato. Le persone che si chiudono dentro, infatti, sono scoraggiate nel fare scritte sui muri, oppure nell’assumere sostanze stupefacenti, o ancora fare danni all’interno del bagno. Ma tutto ciò è utile anche nel caso in cui la serratura dovesse essere difettosa. Se si resta chiusi dentro, basta sgusciare da sotto e liberarsi, oppure chiamare facilmente gli aiuti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE → Liquore al basilico fatto in casa, la ricetta gustosa è diventata virale

Tra l’altro, un bagno chiuso darebbe una maggiore sensazione di privacy, quindi il visitatore potrebbe perdere più tempo, magari giocando con il telefonino e dimenticandosi che fuori ci sono persone in attesa. È anche un modo per velocizzare e sfoltire le file e le attese al bagno. Infine, avere porte distanti da pavimento facilita le pulizie, gli addetti alle pulizie possono sciacquare e passare lo straccio agilmente, senza dover aprire le porte una ad una. Insomma, ecco il motivo delle porte alte nei bagni pubblici.